Premettiamo che le notizie che pubblichiamo sono verificate con la Regione Piemonte con la quale siamo in contatto telefonico con l’unità di informazione predisposta dall’apposito ufficio regionale della sanità proprio per i giornalisti.

Quando non si seguono le indicazioni e invece di usare il telefono ci si presenta di persona in ospedale succede quello che è accaduto questa mattina al Pronto Soccorso di Tortona dove si sono presentate due persone con i classici sintomi influenzali ma che potrebbero anche essere ricondotti ad una sospetta infezione da Coronavirus.


Per questo motivo, all’ospedale di Tortona sono scattare tutte le contromisure previste in questi casi con la chiusura immediata del Pronto Soccorso dell’ospedale di Tortona e l’esame del tampone, non solo alle due persone giunte al pronto soccorso (che sono state messe in isolamento) a tutti coloro che sono stati in contatto con queste persone.

Abbiamo espressamente chiesto alla regione Piemonte di tenerci informati sull’esito di questi controlli e non appena avremo notizie ve le daremo.

Nel frattempo davanti all’ospedale di Tortona come peraltro accadrà in tutti gli ospedali del Piemonte verranno installate delle tende con apposito personale a fare da “Filtro” a chi si recherà al pronto Soccorso.

L’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, d’intesa con il coordinatore dell’Unità di crisi regionale sul “coronavirus covid19”, ha disposto l’allestimento presso tutti i Pronto soccorso del Piemonte di tende pneumatiche della Protezione civile per le attività di pre-triage, in modo che gli eventuali casi sospetti di contagio possano accedere a un percorso differenziato, a tutela delle norme di prevenzione che impediscono la diffusione del virus.

In pratica, prima di entrare nel Pronto soccorso, si verrà sottoposti alla misurazione della febbre e alle domande necessarie a indirizzare il paziente verso il percorso sanitario più appropriato.