C’è una zona di Diano Marina che ormai da settimane, rimane senz’acqua tutti i giorni dalle 19 alle 23. la zona di cui parlo è Capo Berta e zone limitrofe, dove albergatori e privati cittadini devono fare i conti con la mancanza di erogazione dovuta alla bassa pressione dell’acqua.

Il 17 luglio scorso ho scritto un’accorata lettera al Sindaco di Diano Marina per il problema cronico relativo alla rete idrica che, incredibilmente, non pare riesca ad ottenere la giusta attenzione degli organi preposti alla sua soluzione.


La situazione in zona Capo Berta è critica ormai da settimane. La pressione dell’acqua, ridotta all’erogazione, provoca la completa mancanza dalle 19 alle 23 di ogni sera, momento di maggior richiesta per le attività ricettive e per i privati, creando immaginabili notevoli disagi.

Contenuto non disponibile
Consenti l'utilizzo dei cookie cliccando su "Accetta" nel banner, oppure scorrendo e navigando la pagina e il sito"

Rivieracqua purtroppo sembra non si renda conto del problema poiché sostengono che l’erogazione di acqua è regolare seppur con problemi ritenuti minimi e quindi ritengono la situazione accettabile.

Su questo ennesimo problema idrico auspichiamo un intervento del sindaco che, a tutt’oggi, non si è ancora espresso in merito visto che il disservizio inficia il lavoro di tanti operatori del turismo. Nella mia comunicazione inviata al Comune il 17 luglio scorso spiegavo i disagi causati da questa situazione facendo un semplice ragionamento: la pioggia quest’anno non è mancata, rotture sulla tubazione principale del Roja non se ne sono più verificate, la tubazione che porta l’acqua a Capo Berta e dintorni non ha mai avuto problemi, quindi tutto poteva filare liscio invece ora manca l’acqua da settimane in una sola zona di Diano Marina che prima non era mai stata toccata da questi problemi.

Vorrei sottolineare che se Diano Marina è la terza città della Liguria per numero di presenze, vantandone 850.000 ogni anno, è grazie al lavoro degli albergatori che con grandi sacrifici sono impegnati a promuovere i nostri luoghi. Sostengo questo perché ritengo che alla nostra categoria, che puntella ogni giorno l’economia cittadina, non sia data la considerazione che merita.

                                               FEDERALBERGHI GOLFO DIANESE IL PRESIDENTE Americo PILATI

La situazione é vergognosa. Abbiamo pubblicato la lettera aperta di Americo Pilati, ma ci riserviamo nei prossimi giorni di fare ulteriori articoli, come peraltro stiamo facendo già da oltre un mese, perché una cosa come questa in una città turistica, è inconcepibile