La pratica è in uso da anni: un giornale riporta una notizia e altri colleghi la “riprendono” pubblicandola sugli propri organi di informazione, fidandosi del collega che l’ha scritta e dando per scontato che il collega giornalista abbia scritto giusto.

Purtroppo non sempre è così, ed è per questo che noi di Oggi Cronaca abbiamo smesso di consultare gli altri organi di informazione: non ci interessa (e non ci fidiamo) di quello che  scrivono i colleghi e gli altri giornali perché noi le notizie le cerchiamo di prima mano e TUTTO ciò che scriviamo, come ben sanno i nostri lettori, è certificato e verificato da fonti ufficiali. Noi ci fidiamo solo di quello che ci riferiscono loro.


A volte però capita di imbatterci in qualche notizia di cui non eravamo a conoscenza, come ad esempio il ladro individuato al Mater Dei.

Ci ha colpito venire a sapere, da alcuni organi di informazione, che i Carabinieri avessero individuato il ladro che l’estate scorsa si era intrufolato all’interno della casa di Riposo “Mater Dei”  in via Don Sparpaglione a fianco della Madonna della Guardia. Il ladro che aveva derubato più volte gli anziani dei pochi oggetti di valore che avevano con loro, addirittura entrando nelle stanze dei degenti. Non solo, ma  il ladro – secondo qualcuno – aveva persino rubato un televisore dalla sala Comune, quella dove gli anziani si ritrovano per i momenti di convivialità.

Una cosa macroscopica e davvero grave.

E perché noi giornalisti di Oggi Cronaca non ne siamo venuti a conoscenza? Possibile aver “bucato” (così si dice in gergo giornalistico quando un cronista non viene a sapere di un fatto pubblicato da altri) una notizia del genere?

Va bene che nessuno è infallibile, ma questa era davvero grossa.

Cosa abbiamo fatto allora? Abbiamo chiamato i vertici dei Carabinieri di Tortona per verificare se la notizia fosse realmente vera e sapete cosa ci hanno risposto? Che J.D. l’uomo di 42 anni residente in città, è stato sì individuato dai carabinieri e denunciato per furto, ma SOLO perché l’estate scorsa si era intrufolato sì al Mater Dei, ma nel seminterrato (e non nella sala comune) e aveva rubato SOLO un televisore. Non risulta si sia introdotto nelle camere dove soggiornano i pazienti, né risulta che li abbia derubati.

Quindi, secondo i Carabinieri, quello scritto da altri nostri colleghi, corrisponderebbe solo in  parte alla verità e a come si sono svolti realmente i fatti.

Non sarebbe la prima volta.

Vi abbiamo raccontato questo episodio, inimicandoci quei pochi colleghi che ancora non ci odiano, per farvi capire come funziona oggi l’informazione.

Un’informazione dove quasi tutti cercano di arrivare prima, di pubblicare notizie online a discapito della verifica della notizie stesse, perché verificare la notizia occorre tempo e spesso chi la pubblica in ritardo rispetto ad altri colleghi (o chi non la pubblica affatto) fa meno lettori perché la gente l’ha già vista altrove e non ti legge,

E se non ti legge non sei importante e gli sponsor ti abbandonano. Inoltre se hai della pubblicità “ad impression” sul sito rischi di perdere qualche decina di euro al mese.

Oppure se non pubblichi una certa notizia, la gente pensa che non sei un vero giornalista, perché prende per oro colato quello che scrivono i altri.

E allora tu, direttore di un giornale, spesso vieni definito come un “coglione incapace” perché non hai pubblicato una certa notizia e gli altri, invece, lo hanno fatto.

Ma a noi non interessa, noi abbiamo scelto una precisa linea editoriale e siamo diversi. Forse commettiamo qualche errore di battitura perché non possiamo permetterci un correttore di bozze, ma ciò che conta, per noi, è la sostanza. E quella, potete stare tranquilli, è giusta.

Poi siete liberi di leggerci o non leggerci, di preferire altri giornali o quelli cartacei, ma sappiate che la nostra trasparenza è unica e quello che scriviamo è sempre frutto di controlli, analisi e verifiche, perché Oggi Cronaca è così da quando è nato.

Angelo Bottiroli – Direttore di Oggi Cronaca