I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Alessandria hanno arrestato, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere, Mourad NAHED, cittadino marocchino di 28 anni, pluripregiudicato. L’uomo era stato arrestato l’8 ottobre insieme a un connazionale per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale. In quella occasione, i militari del Cristo svolgevano un servizio antidroga in borghese nel centro città e, intorno alle 16.00, fermavano in via Legnano un giovane nordafricano che usciva velocemente da un cortile condominiale. Una volta fermato, procedevano alla sua perquisizione, trovando nelle sue tasche 61 grammi di hashish, estendendo l’atto anche al suo domicilio, in un palazzo di via Legnano, dove venivano rinvenuti diversi panetti di hashish del peso complessivo di circa 280 grammi e la somma di 1.080 euro in banconote di piccolo taglio nella disponibilità del marocchino Mourad NAHED, presente nell’appartamento.

Mentre stava per essere accompagnato in caserma, il NAHED provava a opporsi ai militari ma ogni sua iniziativa violenta veniva bloccata sul nascere. L’arresto di entrambi veniva convalidato e il NAHED veniva sottoposto alla misura dell’obbligo di permanenza in casa in orario notturno, misura che violava più volte. In particolare, durante i controlli notturni eseguiti dai militari, per due volte nel mese di ottobre non veniva trovato in casa e di conseguenza il GIP del Tribunale di Alessandria decideva di aggravare la misura cautelare disponendo la sua traduzione in carcere, eseguita nel pomeriggio del 4 novembre dai militari del Nucleo Operativo che lo rintracciavano nei pressi della stazione ferroviaria cittadina. In tale circostanza, veniva anche segnalato alla Prefettura quale assuntore di stupefacenti perché, perquisito, dentro un pacchetto di sigarette gli veniva trovata una dose termosaldata di cocaina, che veniva sequestrata.


 

I Carabinieri della Stazione Alessandria Principale hanno arrestato, su ordine di esecuzione di pena detentiva, e posto in detenzione domiciliare Ilir Dyzeni, cittadino albanese di 42 anni, pregiudicato. L’uomo deve ora scontare, in stato di detenzione domiciliare, una pena residua a quattro mesi di reclusione per ricettazione, rissa, falsità materiale e furto, per più fatti da lui commessi in Alessandria tra l’ottobre 1999 e l’agosto del 2010. La sua condanna, intervenuta nel 2015, era divenuta definitiva nel maggio di quest’anno e, di conseguenza, il Tribunale di Sorveglianza di Torino ha ora emesso il provvedimento restrittivo nei suoi confronti.

 

I Carabinieri della Stazione Alessandria Cristo hanno arrestato, su ordine di esecuzione di pena detentiva, e posto in detenzione domiciliare Davide Piasentini, di 39 anni, pregiudicato. L’uomo deve scontare in stato di detenzione domiciliare una pena residua a sei mesi di reclusione per spaccio di stupefacenti, accaduto in Alessandria nell’agosto del 2011. La condanna, intervenuta nel 2015, era divenuta definitiva nel gennaio di quest’anno e, di conseguenza, il Tribunale di Sorveglianza di Torino ha ora emesso il provvedimento restrittivo nei suoi confronti.