*Dal 1° giugno eliminati i posti letto nel reparto di Oncologia dell’Ospedale di Casale Monferrato. Un passo decisivo verso la chiusura del reparto?*
*Il Sindaco aveva assicurato un reparto d’eccellenza per il quale rinunciò alla Clinica e alla sede legale dell’ASL. Cosa resta ora di questa promessa?Perche’ il primo cittadino non si e’ messo alla testa delle proteste che i casalesi hanno organizzato in questi giorni per chiedere una sanità migliore?

La Regione Piemonte sta dimostrando, nei fatti, totale disinteresse verso una fondamentale necessità per una città come Casale, duramente colpita dalle malattie amianto correlate: un’oncologia di alto livello.

Stupisce che si uniscano al silenzio del Sindaco i due parlamentari del Partito Democratico Cristina Bargero e Fabio Lavagno.Se i principali rappresentanti delle istituzioni
tacciono, chi difenderà Casale?*

*Presidio Sanità*