In riferimento alle osservazioni dei consiglieri Emanuele Capra e Federico Riboldi in merito alla mancata presenza di un rappresentante dell’opposizione all’interno del Comitato di garanzia per il monitoraggio, l’informazione e la comunicazione sulle azioni intraprese in tema di lotta all’inquinamento da amianto, il sindaco Titti Palazzetti spiega:

Il Comitato di garanzia per il monitoraggio, l’informazione e la comunicazione sulle azioni intraprese in tema di lotta all’inquinamento da amianto non ha funzioni di rappresentanza politica, ma di monitoraggio operativo. Per questo motivo è formato dai rappresentanti delle autorità locali, con compiti specifici e precisi di informazione alla cittadinanza sull’evolversi delle attività di bonifica.


 Del Comitato, infatti, faranno parte il Sindaco e la Vice Sindaco di Casale Monferrato, in rappresentanza della città, il Prefetto o un suo delegato, a ulteriore garanzia di legalità e trasparenza, i direttori di Arpa Piemonte e del Centro Sanitario Amianto dell’AslAL, per un’informazione sempre aggiornata sui temi ambientali e sanitari, un Sindaco indicato dai colleghi del territorio del Sito d’Interesse Nazionale, un rappresentante sindacale indicato dalle organizzazioni sindacali stesse, un rappresentante dell’Afeva scelto dall’associazione, un rappresentante individuato dagli ordini professionali di geometri, architetti e ingegneri e un esperto in comunicazione.

 

Come si può ben vedere, quindi, i componenti non sono, e non saranno, scelti o indicati dal sindaco di Casale Monferrato, ad eccezione dell’esperto in comunicazione, che lavorerà, comunque, con il benestare dell’intero Comitato.

 La presenza dell’opposizione nella Commissione Ambiente e la possibilità di accesso a tutti gli atti, assicurano la trasparenza e l’opportinità di rivolgere all’Amministrazione, in ogni momento, osservazioni, critiche e proposte.

 Il Sindaco Titti Palazzetti

12 luglio 2015