carabinieri QI Carabinieri della Stazione di Castellazzo Bormida hanno denunciato per omissione di soccorso a seguito di incidente stradale un cittadino italiano di 60 anni, residente in provincia. I militari di Castellazzo intervenivano a metà ottobre del 2014 sulla SS 30 in direzione di Acqui Terme per i rilievi di un incidente tra un motociclo e un’auto.

Sul posto interveniva anche personale del 118 che prestava i soccorsi al conducente della motocicletta, identificato in un 53enne della provincia di Biella, il quale riportava la frattura dello scafoide e della falange del piede sinistro con una prognosi di 28 giorni di cure. Veniva contestato al motociclista un verbale di violazione al codice della strada per un’inversione del senso di marcia all’altezza di un’intersezione e proprio dal ricorso presentato dell’uomo per tale contravvenzione risultava una dichiarazione di una persona, il 60enne poi denunciato, che indicava che non vi era stata l’inversione di marcia del motociclista, ma vedeva invece che l’auto davanti a lui tamponava il motociclo che si trovava subito dopo.


Il testimone dichiarava che sebbene l’urto fosse stato violento, decideva di proseguire la marcia senza prestare i soccorsi al motociclista che era rimasto per terra dolorante per le fratture riportate, senza neanche contattare il 118 per richiedere i soccorsi.

Infatti, il 118 era stato contattato da un’altra persona che passava sul posto ben dopo l’evento, la quale chiamava i Carabinieri e i sanitari vista la gravità dell’incidente. Per tale motivo il 60enne veniva denunciato all’Autorità Giudiziaria per omissione di soccorso perché, avendo dichiarato di avere assistito all’incidente, non prestava soccorso al ferito.

30 maggio 2015