terzo valico - ILa presa di posizione è durissima e riguarda la minaccia di sospendere tutti i cantieri del Terzo Valico presenti sul territorio ed è contenuta in una durissima lettera che pubblichiamo integralmente al termine dell’articolo inviata al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, a quello dell’Ambiente, al presidente della regione Piemonte, a quello dell’osservatorio ambientale sul Terzo Valico, al presidente del Cociv il consorzio che sta realizzando l’opera, nonché al presidente della Rete ferroviaria Italiana e della Provincia oltre al prefetto di Alessandria.

I sindaci dei Comuni di Alessandria, Tortona, Novi Ligure, Serravalle scrivia, Gavi, Vignole Borbera, Arquata Scrivia, Carrosio, Fraconalto, Voltaggio e Pozzolo Formigaro lamentano l’abbandono da parte delle istituzioni su questa importante opera e fissano a Lunedì 22 giugno la data in cui, se non saranno ascoltati bloccheranno i cantieri del terzo valico attraverso interventi burocratici.


Mai i sindaci tutti assieme avevano preso questa posizione in merito. Una posizione decisa con chiare motivazioni contenute nella lettera inviata via posta certificata alle istituzioni sopra indicate e che pubblichiamo integralmente di seguito.

28 maggio 2015

*************************************************

Oggetto: Infrastrutture ferroviarie strategiche ex L. 443/01 – Linea AV/AC MI – GE Terzo Valico dei Giovi: comunicazione prossima sospensione dei lavori presso i cantieri operanti sul territorio piemontese.

 

I sottoscritti, in qualità di Sindaci dei Comuni coinvolti dal progetto della linea AV/AC Milano – Genova terzo valico dei Giovi, esasperati dai reiterati silenzi da parte del Governo e di R.F.I. a fronte delle richieste di interlocuzione urgente con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti (l’ultima delle quali inviata in data 15 aprile u.s.), comunicano che, in assenza una risposta concreta alla presente, dal giorno 22 giugno p.v. disporranno la sospensione dei lavori presso i cantieri operanti sul territorio piemontese.

Tale grave decisione è maturata a causa della completa mancanza di considerazione, da parte del Governo e di R.F.I., nei confronti delle istanze degli EE.LL. sostenute ed avallate invece dalla Regione Piemonte e dalla Provincia di Alessandria.

L’atteggiamento del Governo e di R.F.I. ha portato, infatti, a disattendere puntualmente una serie di azioni promesse verbalmente ma mai concretizzate, tra cui si rammentano:

1 − la convocazione della Conferenza di Servizi – attesa da oltre due anni – in seno alla quale affrontare ed apportare, nel rispetto del limite di spesa fissato dalla Delibera C.I.P.E. n. 84 del 18 novembre 2010, alcune significative migliorie dell’opera che permetterebbero di ridurre gli impatti sul territorio e di incrementare il livello di accettazione dall’opera da parte delle popolazioni (eliminazione dello shunt di Novi Ligure e tematiche relative al passaggio della linea nel basso Pieve di Novi Ligure e nel territorio di Pozzolo Formigaro, adozione della modalità combinata di trasporto ferro – gomma per lo smarino proveniente dal cantiere C.O.P. 20 e per gli approvvigionamenti relativi al cantiere stesso, individuazione delle opere di accompagnamento territoriale all’infrastruttura strategica ecc.);

2 − la nomina del nuovo Commissario Straordinario di Governo la cui vacanza risale all’agosto scorso. Sollecitando l’urgenza della nomina del nuovo Commissario Straordinario di Governo, i sottoscritti Sindaci segnalano la necessità che la scelta ricada su una figura strettamente legata al territorio. L’approfondita conoscenza del territorio e dei dettagli progettuali insieme alla diuturna presenza in loco rappresentano i requisiti indispensabili per la figura del nuovo Commissario e risulteranno fondamentali per l’avvio dell’opera a pieno regime superando l’attuale situazione di stallo su numerosi temi ancora aperti;

3 − l’istituzione del Tavolo Istituzionale Operativo, distaccato presso la Prefettura di Alessandria, per consentire il pieno coinvolgimento ed il coordinamento dei soggetti interessati ai vari livelli istituzionali;

4 − la nomina di un rappresentante del territorio in seno all’Osservatorio Ambientale; − l’attivazione di un ufficio a servizio degli EE.LL. che potrebbe essere denominato Sportello Unico per il Terzo valico;

5 − la definizione delle ricadute sul territorio in termini di occupazionali; − la definizione delle opportunità di sviluppo del territorio attraverso la valorizzazione della vocazione logistica della Provincia di Alessandria;

6 − l’approvazione della versione 3.0 del protocollo Amianto elaborato dal Gruppo di Lavoro “Amianto” e degli esiti del Gruppo di Lavoro “Idrogeologia”, istituiti ai sensi della L.R. 4/2011;

7 − l’allestimento del punto informativo sul territorio in qualità di “centro permanente di comunicazione e informazione”.

 

Confidando in una sollecita risposta e nella concreta risoluzione dei problemi evidenziati, porgono cordiali saluti.

 

I Sindaci dei Comuni territorialmente coinvolti, Comune di Alessandria Comune di Arquata Scrivia Comune di Carrosio Comune di Fraconalto Comune di Gavi Comune di Novi Ligure Comune di Pozzolo Formigaro Comune di Serravalle Scrivia Comune di Tortona Comune di Vignole Borbera Comune di Voltaggio