orafa - QUn’orafa valenza è stata truffata da una donna di 37 anni che millantava molte conoscenze nel mondo dello spettacolo e dello sport. Infatti questa donna diceva di avere dei contratti in esclusiva per la vendita di preziosi a tali personaggi noti e diceva che lei avrebbe presentato ai suoi clienti i gioielli della ditta orafa poi truffata e, se graditi, avrebbe fatto da intermediaria per la successiva vendita. Convinta che l’affare fosse vantaggioso, la titolare della dita orafa consegnava alla truffatrice dei gioielli in conto sospeso per una valore di circa 15.000 euro, venendo successivamente a sapere dalla donna che aveva venduto quasi tutti i pezzi consegnati. Però poi la donna era sparita e, contattata più volte telefonicamente, aveva saputo da questa che i gioielli e il denaro erano stati sequestrati dalla Guardia di Finanza e che attendeva il dissequestro dei preziosi e dei soldi.

L’orafa si è quindi rivolta a un avvocato per il recupero del credito nei confronti della 37enne, veniva però a scoprire rapidamente che la truffatrice non era titolare di alcuna partita IVA né di ditta individuale per la compravendita di gioielli, che i dati che erano stati forniti dalla donna per emettere la fattura erano fittizi e inesistenti e che in passato aveva già commesso delle truffe analoghe. A quel punto, presentava querela nei confronti della 37 enne.


Per questo i carabinieri hanno denunciato la truffatrice alla procura della Repubblica di Alessandria.

25 aprile 2015