Gli attrezzi sequestrati

Gli attrezzi sequestrati

I Carabinieri di Alessandria hanno denunciato per possesso ingiustificato di chiavi alterate un cittadino bulgaro di 48 anni e un cittadino georgiano di 24 anni, entrambi pluripregiudicati e senza fissa dimora.

Alle 10 del mattino di martedì 10 febbraio giungeva una chiamata al 112 che segnalava due persone sospette nella zona di via Galvani a bordo di un’auto, una delle quali scendeva ed entrava nei condomini di continuo, per poi uscirne poco dopo. Il richiedente descriveva i due in maniera molto dettagliata, fornendo anche i dati dell’auto usata dai due uomini in maniera molto precisa. La gazzella giungeva sul posto in pochi istanti, notando in via Galvani angolo via De Gasperi l’auto segnalata che veniva subito controllata, identificando l’occupante che era il georgiano 24enne seduto al posto di guida. L’uomo, residente in Grecia, non forniva giustificazioni sulla sua presenza sul posto e, dal controllo, sull’auto risultava una segnalazione dei Carabinieri della provincia di Pavia perché utilizzata per commettere dei furti e, di conseguenza, da sottoporre ad accurato controllo in caso di rintraccio.


Il secondo uomo non veniva trovato sul posto e i militari controllavano accuratamente le scale di tutti i condomini della zona, ma senza esito. Successivamente si portavano nella zona anche delle pattuglie in borghese del Nucleo Operativo della Compagnia le quali, nelle vie limitrofe, dopo circa un’ora, rintracciavano il secondo uomo segnalato dal richiedente e identificato nel bulgaro 48enne.

I due venivano: perquisiti personalmente e, subito dopo, la perquisizione estesa anche all’auto utilizzata, rinvenendo 2 paia di guanti da lavoro, una chiave per le serrature degli ascensori, una chiave da serratura per porte blindate, un badge in plastica per aprire le porte delle camere degli alberghi, una torcia elettrica, un coltello multiuso, tutto materiale del quale i due non sapevano giustificare il possesso e che veniva sequestrato; nonché venivano accompagnati in caserma per essere fotosegnalati e venivano denunciati all’Autorità Giudiziaria per il possesso di arnesi da scasso.

Nei confronti dei due uomini è stata adottata la misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio per uno e del divieto di ritorno per l’altro, non avendo gli stessi motivo di rimanere ad Alessandria ed essendo persone socialmente pericolose e inclini alla commissione di reati.

L’aiuto prezioso del cittadino che ha segnalato la strana presenza dei due uomini che si aggiravano nei condomini e il pronto intervento delle pattuglie dei Carabinieri hanno probabilmente permesso di sventare dei tentativi di furto, visto che i due erano in possesso di tutta l’attrezzatura necessaria per forzare le porte delle abitazioni.

11 febbraio 2015