municipio - IIl Comune di Novi Ligure rientra tra i circa mille Comuni italiani per i quali la scadenza della prima rata della Tasi è fissata al 16 giugno prossimo.

La deliberazione comunale prevede che la Tasi si applichi, per i proprietari e titolari di diritti reali (usufrutto, uso, abitazione, superficie), sull’abitazione principale e relative pertinenze ad eccezione delle situazioni in cui la somma delle rendite catastali sia inferiore a 300 euro. Il Comune di Novi, inoltre, ha stabilito un’aliquota pari al 3,3 per mille con una detrazione per tutti di 90 euro. Chi è in affitto non dovrà pagare nulla. Ad oggi, in caso di contitolarità, la Tasi dovrà essere versata da uno solo dei coobligati.


La stessa scadenza del 16 giugno vale per l’Imu, imposta che si applica per tutti gli altri immobili. In questo caso l’aliquota principale è fissata al 10,6 per mille.

A questo proposito il Sindaco, Lorenzo Robbiano, dichiara: «Il Consiglio Comunale aveva deliberato che la prima rata della Tasi fosse da pagare entro il 31 agosto, ora le decisioni del Governo anticipano il pagamento al 16 giugno per i Comuni che hanno fatto il loro dovere. È una situazione assurda. Abbiamo coinvolto gli organi di Governo, i Parlamentari e l ‘Anci nazionale al fine di porre rimedio a questa incongruenza che mette in difficoltà i Comuni e soprattutto i cittadini. Chiediamo solo che, senza oneri per lo Stato, ci sia permesso di applicare la scadenza del 31 Agosto decisa dal Consiglio Comunale».

Il versamento di Imu e Tasi si effettua mediante il modello di pagamento unificato F24. In questi giorni, l’Ufficio Tributi del Comune sta effettuando il calcolo Imu e Tasi fornendo ai cittadini il modello F24 precompilato. Per usufruire del servizio, gratuito, basta fissare un appuntamento presso lo Sportello del Cittadino di via Giacometti 22 (anche telefonicamente al numero 0143.772277 – numero verde 800.702.811). In caso di variazioni intervenute nel corso degli ultimi mesi, è necessario che i contribuenti forniscano i dati catastali corretti degli immobili per cui viene richiesto il calcolo.

Nei giorni scorsi si sono svolti degli incontri con i CAAF e le Associazioni di categoria per fornire tutte le informazioni necessarie affinché gli stessi possano prestare assistenza per i conteggi.

Infine, per quanto riguarda la Tari (tassa rifiuti), il versamento si effettua in tre rate con scadenze al 31 agosto, 31 ottobre e 16 dicembre 2014. In questo caso, il modello F24 precompilato sarà inviato direttamente ai contribuenti tramite servizio postale, insieme all’avviso di pagamento con il dettaglio degli immobili tassati. Sul sito istituzionale del Comune di Novi Ligure sono riportate tutte le principali informazioni. Per ulteriori dettagli è anche possibile inviare un messaggio di posta elettronica ai seguenti indirizzi: tributi@comune.novilugure.al.it (per la TARI); imu@comune.noviligure.al.it (per IMU e TASI)

22 maggio 2014