Due donne cinesi, una di 23 e l’altra di 42 anni che facevano certi massaggi davvero apprezzati dalla clientela e non soltanto quelli.

centro massaggi - IQuesto emerge dai controlli effettuati dai carabinieri della Compagnia di Alessandria che nella serata di venerdì hanno controllato un centro benessere del centro cittadino gestito da una donna cinese di 30 anni, al fine di verificare il regolare svolgimento dell’attività di estetista e le attività che si svolgevano realmente nel locale.


Al controllo partecipava personale del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Alessandria e, per quanto riguarda le materie di specifica competenza, personale del NAS di Alessandria.

Nell’esercizio al momento del controllo erano presenti, oltre alla titolare, due donne, una 42enne e una 23enne sempre cinesi e regolari sul territorio italiano, impiegate come dipendenti per l’esecuzione dei massaggi una delle quali non risultava però regolarmente assunta e, per tale motivo, verrà inviata anche una comunicazione all’Ispettorato del Lavoro dei Carabinieri di Alessandria per i provvedimenti di specifica competenza.

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile contestavano alla donna che gestisce il locale il favoreggiamento della prostituzione e l’esercizio di una casa di prostituzione in quanto, nel corso di accertamenti svolti nel tempo, è stato verificato che la donna favoriva la prostituzione, facendola esercitare all’interno del centro dalle due dipendenti che, in più circostanze, avevano compiuto atti sessuali con i clienti dell’esercizio.

Dal controllo amministrativo e sanitario, inoltre, sono emerse diverse violazioni che riguardano la normativa relativa al numero, alla dislocazione e all’uso dei locali del centro per lo svolgimento dei massaggi, all’abbigliamento da utilizzare, ai servizi igienici, al locale spogliatoio, motivi per i quali verrà data comunicazione al Comune di Alessandria per l’irrogazione di sanzioni amministrative di competenza e l’eventuale sospensione dell’attività.

E’ la seconda volta che ad Alessandria c viene scoperto un centro massaggi che in realtà è copertura di un luogo dove si svolge la prostituzione. Un fatto analogo si era verificato a gennaio.