È previsto per il pomeriggio di martedì 18 marzo l’incontro del sindaco Giorgio Demezzi e del direttore del Centro Amianto Massimo D’Angelo con il vice direttore generale della Commissione Europea per i Consumatori e la Salute Martin Seychell.

demezzi ultima

Giorgio Demezzi

A Bruxelles si parlerà di amianto, trattando tutti gli aspetti della fibra che ha colpito duramente il territorio casalese: «Con l’europarlamentare del Ppe Fabrizio Bertot – ha spiegato il sindaco Giorgio Demezzi – porteremo la nostra esperienza sui fronti sanitario, della ricerca e della bonifica del territorio. Sarà un’occasione per far conoscere l’importante percorso intrapreso, i risultati ottenuti e quelli a cui puntiamo. Ma non sarà il nostro unico obiettivo: vorremo capire anche quali potranno essere gli eventuali canali di finanziamento per la dismissione definitiva dell’amianto».


Un incontro, quindi, in cui saranno sottolineati soprattutto i fattori caratterizzanti gli indirizzi e le soluzioni intrapresi non solo dal territorio casalese, ma più in generale dalla Regione Piemonte sul fronte amianto: «Spiegheremo come sia fondamentale agire su tutti i livelli essenziali di assistenza sanitaria – ha spiegato Massimo D’Angelo -, sia quello della prevenzione, quindi, sia sull’approccio assistenziale del paziente».

Se sul primo aspetto si punta su un’attività multisettoriale e multidisciplinare, «in cui si preveda un’azione integrata tra i vari attori per un vero e proprio piano d’azione con l’interazione dei decisori politici, degli enti tecnici, delle parti sociali e dei gruppi d’interesse», sull’approccio assistenziale al paziente, Massimo D’Angelo spiega che questo avviene attraverso due strade: «Una definizione di idonei percorsi diagnostici, terapeutici e di continuità assistenziale – comprendente l’approccio psicologico rivolto al paziente e ai familiari -, e l’intera attività di ricerca farmacologica».

Il tutto nell’ambito della strategia di prevenzione che prevede anche il fondamentale aspetto della bonifica dall’amianto: «Quello che proponiamo – ha ricordato il sindaco Demezzi – non è un progetto, ma un percorso che presupponga la continuità nel tempo e la replicabilità a scala nazionale e mondiale».

L’incontro di martedì prossimo segue la tavola rotonda che si è tenuta venerdì scorso, 7 marzo, ad Alessandria in conclusione del corso di formazione per amministratori, funzionari e tecnici comunali intitolato Amianti sulla gestione degli Sportelli Informativi Aminato nei Comuni della Regione Piemonte.

Al tavolo dei relatori, oltre al sindaco Giorgio Demezzi e al direttore e responsabile scientifico del corso Massimo D’Angelo, anche il rettore dell’Università del Piemonte Orientale Cesare Emanuel e la direttrice scientifica del corso Caterina Rinaudo.

 16 marzo 2014