ponte fioritoDopo la positiva sperimentazione dell’anno scorso, il ponte sul fiume Po di Casale Monferrato torna a colorarsi con seicento piantine di fiori. In questi giorni, infatti, sono state piantumate delle belle primule per ravvivare l’ingresso nord della città.

«L’idea – ha spiegato l’assessore all’Ambiente, Vito De Luca – nacque nel 2012 in via sperimentale. Dopo il positivo riscontro avuto e la confermata disponibilità delle ditte e dell’associazione casalese Cooltura, si è così deciso di riproporre anche per quest’anno la convenzione per avere per tutto il ciclo primaverile, estivo e autunnale un ponte sul Po colorato e accogliente».«È doveroso un ringraziamento a tutti coloro che hanno deciso di abbellire questo importante snodo viario cittadino – ha proseguito l’assessore De Luca -, perché, senza alcun costo per il Comune, si potrà avere un biglietto da visita di Casale Monferrato all’altezza di un territorio che vuole fare del turismo uno dei motori della ripresa».


I vasi sono ancorati alle ringhiere del ponte sul Po e le piantine sono innaffiate con un sistema di irrigazione automatico, riuscendo così ad avere il miglior risultato ottimizzando i consumi.

Esattamente come un anno fa, però, ci sono già da registrare alcuni furti: «Purtroppo alcune piantine sono state già trafugate – ha concluso Vito De Luca -: sono molto amareggiato, perché deturpare il bene pubblico, significa impoverire l’intera città. Grazie alle telecamere posizionate all’inizio del ponte si cercherà di identificare i colpevoli, ma il concetto principale è che con queste azioni, che purtroppo si registrano su tutto il patrimonio ambientale cittadino, si vanifica l’impegno di molti nel cercare di rendere la città più accogliente, vivibile e piacevole».

17 marzo 2013