casa accoglienza - 2IL’immobile del Loreto sta cadendo a pezzi: la struttura che ospita la Casa di accoglienza e l’associazione Matteo 25, che gestisce il dormitorio per senza fissa dimora è quasi inservibile e il Comune sta pensando al da farsi. .

Il 20 novembre è scaduto il bando per la ricerca di sponsor per il finanziamento, la progettazione e l’esecuzione dei lavori di recupero funzionale del fabbricato: un ente privato si è fatto avanti, ma tutto tace e il Comune non ha ancora inviato alcuna comunicazione ufficiale all’ente. L’immobile, di proprietà del Comune, sta cadendo a pezzi e occorre intervenire quanto prima.


L’ente privato era pronto per iniziare i lavori tra marzo e aprile intanto il Comune avrebbe dovuto trovare una sede alternativa per ospitare la Casa di accoglienza e il dormitorio. In realtà, però, non si sa ancora come si è chiusa l’iniziativa di sponsorizzazione. In Comune dicono solo che “Si sta vagliando la documentazione”. La vicenda è un po’ ingarbugliata ed evidentemente di non facile soluzione. Pare infatti che nel frattempo l’ente abbia proposto al Comune di cederle l’immobile comprese le parti fatiscenti non utilizzate (offrendo 400 mila euro), per realizzarvi attività socio assistenziali come una mensa per i poveri, appartamenti di prima accoglienza, un magazzino per la Casa d’accoglienza, il dormitorio femminile, ma il Comune, a quanto pare glissa, indeciso sul da farsi.

 14 gennaio 2013