Sono state praticamente confermate le previsioni dell’Imu fatte dal Comune che secondo il sindaco Massimo Berutti si avvia verso un Bilancio sempre più riequilibrato allontanando lo spettro del dissesto. Il 31 dicembre nelle casse comunali, infatti, è stata accreditata la somma di circa 5 milioni e 400 mila euro relativa al versamento della seconda rata dell’Imposta Municipale Unica.

«Era uno dei dati di bilancio più importanti sulla previsione – dice il sindaco di Tortona Massimo Berutti – Se i numeri lo consentiranno, l’obiettivo per il futuro è di lavorare per una piccola riduzione».


Ora il Comune attende di incassare 4.368 mila euro dalla gara relativa alla vendita delle partecipazioni azionarie nella società Asmt Servizi Industriali,con la quale si avrà la copertura di gran parte del disavanzo, che ammonta a 9.889.587 euro. Una parte infatti è già stata coperta con la vendita dell’ex mercato e di palazzo leardi. L’incasso della vendita delle quote societarie si realizzerà nei mesi di febbraio o marzo 2013.

«Abbiamo visto i frutti di tre anni di strategie, sacrifici, azioni – dice Berutti – che hanno portato a risultati che possono far guardare in positivo al futuro. Le vendite permettono di pagare i fornitori, l’ingresso dell’Imu è un’ulteriore iniezione di liquidità. E’ stato un mese positivo, il frutto di un percorso strutturato e impostato. Lo sostenevo da tempo che avrebbe dato i suoi frutti e così è stato. Con le vendite possiamo sanare i buchi vecchi, mentre l’Imu ci permette di sostenere il bilancio di previsione su cui impostare la spesa corrente. Non sono certo finiti i sacrifici, ma con i conti a posto si può lavorare per programmare una strategia di pressione fiscale in modo più attento e meno pesante».

La previsione per l’Imu era di incassare 12 milioni complessivi dall’inizio dell’anno. La prima rata ha fatto incassare 3,6 milioni, la rata intermedia circa 500 mila euro e i rimanenti 8 milioni sono arrivati adesso, una parte prima di Natale e il resto dopo.

1° gennaio 2013