Il Sindaco di Casale Monferrato Casale Monferrato Giorgio Demezzi lunedì mattina ha inviato alla Fondazione Levi Montalcini, alle Comunità Ebraiche di Torino e Casale Monferrato e al Congresso Europeo Ebraico una lettera di condoglianze per la morte della senatrice a vita e premio Nobel Rita Levi-Montalcini.

«La missiva è stata l’occasione per ricordare il legame con la nostra città – ha ricordato il sindaco Demezzi –, che già nel 1987 deliberò, all’unanimità dei Consiglieri comunali, la cittadinanza onoraria, e per proporre un evento commemorativo che possa dare il giusto onore a una personalità di così alto rilievo scientifico e umano».


Il 3 novembre 1987, infatti, il Consiglio comunale di Casale Monferrato conferì la cittadinanza onoraria alla neo Premio Nobel per la medicina, onoreficenza consegnata poi il 20 aprile del 1988 in Sala consiliare, a margine di una conferenza sulla genetica che Rita Levi-Montalcini tenne in città.

«Spero che la Fondazione Levi Montalcini e le Comunità Ebraiche coinvolte accolgano favorevolmente la nostra proposta – ha concluso Giorgio Demezzi – perché mi sembra doveroso che la nostra città ricordi non solo l’aspetto scientifico di Rita Levi-Montalcini, ma anche quello personale, che la vide suo malgrado protagonista durante le persecuzioni razziali. Un esempio importante soprattutto per le giovani generazioni».

 7 gennaio 2013