L’Amministrazione Comunale di Acqui Terme, nella persona del Sindaco, Enrico Silvio Bertero, e del Consigliere Delegato alla Sanità. Franca Arcerito, ribadisce la ferma presa di posizione riguardo alla salvaguardia della Cardiologia dell’Ospedale di Acqui Terme.

“Avevamo chiesto spiegazioni dettagliate in merito alla Direzione dell’ASL – dice il sindaco Enrico Bertero – e qeusto aveva provocato una loro richiesta alla Regione. La risposta della Regione riguardo alla Cardiologia era stata chiara e l’Assessore Monferino lo ha confermato all’Assemblea dei Sindaci tenuta ad Alessandria il 21/01/2013: per ora la Cardiologia non si tocca e non si procederà a nessuna suddivisione con la rianimazione.”


Forti e tranquillizzati da queste spiegazioni, i membri della Consulta si sono ritenuti soddisfatti, in quanto si è capito che non sarebbe stato intrapreso per ora nessun passaggio che potesse minimamente modificare i reparti di Cardiologia e Rianimazione.

La Consulta Acquese, comunque, ha rivolto richiesta all’Assemblea Regionale per poter avere copia dei diagrammi che possano spiegare quali potrebbero essere in futuro i tagli, ahinoi, che potrebbero riguardare il nostro Ospedale.

“Siamo sempre attenti a tutte le problematiche relative alla salute – conclude bertero – ed è per questo che riteniamo che il “Punto Nascita” possa e debba essere monitorato. Faremo in modo di seguire passo a passo la situazione, nel solco di quanto ha sempre fatto con puntualità l’ex Sindaco Danilo Rapetti, che si è sempre con foga battuto per la salvaguardia della Sanità Acquese.”

22 gennaio 2013