Il tetto del pronto Soccorso danneggiato dalle infiltrazioni d’acqua

Crolla parte del soffitto in cartongesso nella sala di accettazione del Pronto Soccorso dell’ospedale di Tortona. E’ accaduto poco dopo le otto di martedì mattina, quando una decina di pannelli in cartongesso del soffitto si sono staccati a causa delle infiltrazioni di acqua. I pannelli si sono staccati facendo cadere l’acqua piovana quando non c’erano utenti nella sala di accettazione e comunque si trovavano nella parte non accessibile al pubblico.

Tutto sembra riconducibile ad un intasamento dei due pluviali: la mezz’ora di pioggia intensa che si è abbattuta su Tortona dalle 7,30 alle 8 ha allagato il tetto della sala di accettazione che è piatto e l’acqua non potendo defluire dai pluviali è filtrata sotto il cartongesso facendo staccare alcuni pannelli.


I disagi si sono verificati solo nella sala di accettazione, ma il Pronto Soccorso non ha mai smesso di funzionare e il servizio non é mai stato interrotto, in quanto il resto della struttura non ha subito alcun danno ed anzi, la direzione sanitaria si è subito attivata con la squadra di manutenzione per provvedere a sistemare subito il danno e sistemare l’accettazione in una postazione diversa fino a quando la funzionalità della sala non verrà ripristinata, a quanto pare già nella giornata di mercoledì.

“Ringrazio i medici, gli infermieri e il personale del 118 – dice Beniamino Palenzona responsabile del Pronto Soccorso – per aver operato tempestivamente ed essersi subito attivati e per aver  realizzato una nuova sala accettazione in altro locale.”

Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco di Tortona che hanno accertato la situazione che, come detto, riguarda solo la sala di accettazione e non il resto della struttura.

Un disagio che a quanto pare si poteva evitare: secondo quanto emerso, infatti, sarebbe stato sufficiente controllare con maggior frequenza i due canali di scarico, soprattutto in questo periodo dove le foglie possono essere trasportate dal vento o fare in modo di rendere più spiovente il tetto per evitare questi disagi.

27 novembre 2012