Incredibile ma vero: il sindaco Sergio Cassano caccia l’assessore Riccardo Maggiora dalla Giunta a 24 ore di distanza dall’intervista che l’assessore ha rilasciato al nostro giornale.

E’ accaduto veramente: la comunicazione è giunta alla nostra redazione poco prima delle 18. Poche righe “secche” da parte del primo cittadino che dice: “a fare data da oggi, 31 ottobre 2012 l’Assessore Ingegnere Riccardo Maggiora non fa più parte dell’Amministrazione del Comune di Valenza. Le deleghe dell’Assessore saranno ridistribuite come segue: al sottoscritto Urbanistica e Viabilità e all’assessore Andrea La Rosa Università, Informatizzazione e Rapporti con le aziende partecipate.”

Il sindaco non dà spiegazioni sulla sua decisione, ma il motivo si evince dalla frase successiva: “Nel contempo il sottoscritto – aggiunge Cassano – in qualità di titolare della delega alle farmacie smentisce categoricamente ogni contatto con la società Farmacom come apparso sugli organi di comunicazione. (solo sul nostro giornale – ndr) tanto più che una delle nostre farmacie è in procinto di essere ceduta sulla base di una normativa regionale.”

Le comunicazioni del primo cittadino di Valenza finiscono qui. Poche righe, stringate, ma che lasciano spazio molte considerazioni.

 

CACCIATO PERCHE’ HA PARLATO?

Riccardo Maggiora

Quello che non abbiamo scritto nell’intervista (e che il sindaco Sergio Cassano non sa) è che prima di salutare l’assessore Maggiora gli abbiamo chiesto se c’erano problemi con il sindaco e la Giunta Comunale e lui ci ha risposto che godeva della fiducia di Cassano e che gli unici problemi che aveva erano con alcuni membri della maggioranza perché lui era troppo decisionista rispetto ai tempi lunghi della politica.

Gli abbiamo anche chiesto se aveva intenzione di dimettersi: “assolutamente no – ci aveva risposto Maggiora – credo di lavorare bene e fino a quando godo della fiducia del sindaco vado avanti perché credo nella bontà del mio lavoro”.

Una persona davvero gentile e squisita l’assessore Riccardo Maggiora e siamo veramente dispiaciuti che il sindaco Sergio Cassano l’abbia “liquidato”.

E’ evidente che lo ha fatto a causa dell’intervista che Maggiora ha rilasciato al nostro giornale.

E a questo punto si pone un quesito: perché?

Cos’ha detto di tanto strano l’assessore Maggiora da far imbufalire il sindaco che ha deciso di cacciarlo dalla Giunta?

Ha semplicemente confermato che il Comune di Valenza stava “valutando” la possibilità di entrare a far parte di Farmacom, la società di Tortona che gestisce le farmacie, mentre il sindaco Sergio Cassano pochi minuti prima al nostro giornale (e anche adesso) ha smentito categoricamente un interessamento del Comune di Valenza verso Farmacom.

Ma davvero l’assessore Riccardo Maggiora ha agito da solo e senza consultare il suo sindaco? E perché mai avrebbe dovuto comportarsi in questo modo? A quale scopo?

Ma se davvero era una sua idea, perché con noi ha parlato al plurale facendo intendere che gli uffici comunali stavano valutando la questione e che quello era il primo passo di un lungo percorso, come lui stesso ha dichiarato?

Che senso ha rilasciare un’intervista ad un giornalista che conosceva appena (ci siamo visti si e no un paio di volte) raccontando cose non vere?

E a che scopo sapendo che il sindaco sarebbe sicuramente andato su tutte le furie se fosse venuto a sapere che un assessore racconta bugie ad un giornalista? Ma soprattutto perché mai Riccardo Maggiora avrebbe dovuto comportarsi in maniera così irrazionale?

Ci piacerebbe molto che il sindaco Sergio Cassano, invece che cacciare il suo bravo assessore fornisse risposte a queste domande, ma sappiamo già che questo non accadrà.

E’ sicuramente molto più facile firmare un atto e cacciare un assessore. O sbaglio?

Angelo Bottiroli

 31 ottobre 2012