Oibò: ma quanti di noi sono cresciuti sentendosi raccontare la fiaba di Pinocchio, l’opera più importate e autorevole di Carlo Collodi così incredibilmente universale e unica che è stata oggetto mirabile di molti film in versioni diverse con interpreti animati o in carne ed ossa, album di figurine, libri animati o meno, nonché tema di studi ed analisi approfondite, perché dietro quella che potrebbe apparire una semplice fiaba per bambini, c’è molto di più e tanto altro.

[wp_bannerize_pro orderby="random" categories="322"]

Se n’è parlato molto in passato, ma un aspetto particolare, oggi, è quello sviscerato dallo scrittore Giacomo Maria Prati di Tortona, funzionario dell’Accademia di Brera, che nell’ultimo suo libro uscito proprio in questi giorni, si sofferma ad analizza questo aspetto forse più recondito del burattino più famoso al mondo e di una storia che non finisce mai di stupire presentando sempre qualche risvolto inedito.


Pinocchio tra il Mito greco e la Bibbia, l’Alchimia e la Gnosi, il surreale e l’esistenziale, Carmelo Bene e Marco Aurelio, gli immaginari e l’estetica. Prati ripercorre e rilegge il capolavoro collodiano facendone emergere la foresta di simboli e di immagini che lo sostanzia, esaltandone il fittissimo intreccio di archetipi, allusioni, risonanze, rimandi, relazioni interne e dinamiche morfologiche che lo struttura. Un’ermeneutica che complica e non risolve una “favola” vista quale eroismo ed epica, prodigio espressivo e narrativo, mistero vitale.

Per Prati Pinocchio non ha nulla da invidiare e gareggia addirittura con i poemi omerici per coesione interna ed efficacia narrativa: “Il vero prodigio di Pinocchio – scrive – l’ammiro sempre nella sua struttura metamorfica, nel suo intreccio risuonante come una foresta di rimandi interni, fascinoso come un Labirinto ipnotico da cui non si vorrebbe mai uscire.”

L’analisi del Tortonese è lucida e profonda e ci fa capire quanto siano reconditi gli aspetti di questa che definire “fiaba” è davvero molto riduttivo.

Il volume, edito da Aurora Boreale di Prato con introduzione di Silvano Agosti e postfazione di Ezio Albrile, è in vendita a 18 euro su Amazon e in tutti gli ibooke store oltre che nelle migliori librerie.

Immagine di copertina: Artemisia Levita in una elaborazione grafica di Enrico Savelli su immagine di Tatiana Minelli.