Con l’estate si organizzano le tanto sospirate vacanze, ma quanti sono i giorni di ferie nel lavoro domestico e come gestirli? Vediamo insieme un esempio. Jamila lavora presso il signor Giorgio da ormai 10 anni. Lo scorso anno non ha preso giorni di ferie, ma quest’anno vorrebbe tornare in Luanda a ritrovare i suoi familiari che non vede da due anni. Quanti giorni di ferie le spettano?

Gestione ambiente

Il Contratto Collettivo (CCNL) del lavoro domestico prevede che ogni anno le lavoratrici possano usufruire di 26 giorni di ferie. Il numero dei giorni NON varia in base alla durata del contratto o all’orario settimanale svolto.


Le ferie, in genere, devono essere usufruire in modo continuativo dalla lavoratrice e possono essere ripartite in non più di due periodi per ciascun anno. La lavoratrice deve poter godere di almeno due settimane entro il primo anno di maturazione e altre due settimane entro 18 mesi successivi. Se una lavoratrice non italiana vuole fare rientro nel suo paese di origine può, con l’accordo del datore di lavoro, cumulare le ferie per due anni. Perciò in accordo con il signor Giorgio, Jamila quest’estate potrà tornare nel suo paese per due mesi e riabbracciare la sua famiglia.

Nella provincia di Alessandria sono presenti i seguenti sportelli del Patronato ACLI presso cui è possibile rivolgersi per ulteriori informazioni:

Sede Provinciale di ALESSANDRIA

Via Faà di Bruno 79 -15121 Alessandria

Tel. 0131/25.10.91

Segretariato Sociale di ACQUI TERME

Via Nizza 60/B – 15011 Acqui Terme

Tel. 0131.25.10.91

Sede Zonale di CASALE MONFERRATO

Piazza Tavallini, 1 -15033 Casale Monferrato

Tel. 0142/41.87.11

Sede Zonale di NOVI LIGURE

Via P. Isola 54/56 -15067 Novi Ligure

Tel. 0143/74.66.97

Sede Zonale di TORTONA

Via Emilia 244 -15057 Tortona

Tel. 0131/81.21.91

Segretariato Sociale di VALENZA

c/o Comunità Parrocchiale

Via Pellizari 1 -15048 Valenza

Tel. 0131/94.34.04