Nei pressi del cimitero di Castelnuovo Scrivia da qualche tempo si svolgeva un’attività di spaccio di droga. Gli abitanti l’hanno notata e hanno avvisato i Carabinieri del paese che hanno dato vita a specifici controlli sul territorio.

Nell’ambito di questi controlli, effettuati nel fine settimana, i militari, nel corso di apposito un servizio nei pressi del cimitero di Castelnuovo Scrivia, luogo segnalato, appunto, per attività illecita di spaccio, intimavano l’ALT a un’autovettura che si dava immediatamente alla fuga, subito inseguita dai Carabinieri che hanno capito che sopra si trovavano alcuni individui poco raccomandabili e come poi successivamente emerso, i possibili spacciatori.

L’auto a grande velocità, sempre inseguita dalla gazzella dei Carabinieri, ha raggiunto il vicino Comune di Casei Gerola dove, arrestata la marcia, i due occupanti hanno tento di scappare nei campi.



Dopo un breve inseguimento a piedi, i Carabinieri sono riuscito a bloccare il passeggero: si tratta di un 29enne marocchino che è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I carabinieri, infatti, hanno recuperato due involucri lanciati durante la fuga e risultati contenere quasi 50 grammi di eroina e 100 di hashish.

La successiva perquisizione personale a carico del giovane e sull’auto ha permesso di rinvenire e sequestrare, oltre alla droga, 250 euro in contanti, due telefoni cellulari e un rotolo di pellicola utilizzato per il confezionamento dello stupefacente.

Il marocchino arrestato, è stato trattenuto in camera di sicurezza dei Carabinieri, è in attesa del processo per direttissima davanti al Tribunale di Pavia e non ad Alessandria, in quanto arrestato in in territorio lombardo.