Immaginate un piccolo borgo marinaro incastonato tra il mare e il cielo, le sue case colorate attentamente restaurate, la spiaggia estesa. Le cabine e gli ombrelloni hanno lasciato il posto alla natura, siamo in autunno. Nei giorni scorsi ha fatto qualche mareggiata e in spiaggia si trovano i resti di ciò che ha portato il mare; legni che hanno fatto un viaggio dal fiume sino al mare o che hanno galleggiato chissà per quanto tempo. La passeggiata è a ridosso del mare, l’Aurelia è distante, il paese è tranquillo e i bambini scorazzano senza pericoli. La vita scorre placida. Immaginate poi se in questo paese arrivasse una donna  simpatica e originale, magari un pò misteriosa e portasse con sé le ricette per biscotti e pasticcini e… Tanta cioccolata! Mi immagino molto rumore come avviene in ogni luogo dove ci si conosce un po tutti e poi tra curiosità e golosità ci sarebbe la coda per visitare questo meraviglioso negozio pieno di dolcezza.

Il racconto agli attenti lettori e amanti dei libri ricorderà sicuramente un famoso libro “Chocolate”.


A questo punto però la storia che avevo da raccontare era un’altra: Celle Ligure, il borgo perla del ponente ligure tra Albisola e Varazze in provincia di Savona, avrebbe dovuto accogliere nei giorni dal 23 al 25 ottobre una tappa importante dell’evento ChocoArt Feste.

Un po meno romantico del racconto, ma la città si sarebbe trasformata in una piazza di dolcezza; diversi percorsi di degustazione dedicata a cioccolata, praline, dolciumi, curiose varietà di prodotti, caffè e vini. Vini bianchi rossi frizzanti e dolci per accompagnare le prelibatezze.

Purtroppo, le notizie dell’ultimo Decreto, a seguito dell’emergenza Covid, prevedono il blocco delle manifestazioni  e delle fiere.

Insomma per gli amanti del gusto sarebbe stata  e sarà per il futuro una tappa obbligata, speriamo solo rimandata, nella quale assaporare gustosi cioccolatini e ammirare creazioni artistiche di cioccolato uniche.

Ma non è questo l’unico motivo per cui  vi invitavo a fare visita a Celle Ligure.

La cittadina vanta un borgo storico di rara bellezza. Quando percorro la strada Aurelia in entrambe le direzioni la vista che ho di fronte è suggestiva, è degna di un dipinto. La costa frastagliata con le rocce ad immergersi nel  mare, la spiaggia e il mare, alzando gli occhi sulla punta del paese si vedrà la parte più alta del paese I Bottini raggiungibili facilmente grazie alla funicolare di recente costruzione.

Il centro storico vanta edifici storici importanti come Palazzo Ferri sede dell’attuale comune. E poi i caruggi con le case antiche dei pescatori di un tempo.

La passeggiata mare è all’interno del paese, solo nell’ultimo breve tratto per raggiungere I Piani (dove ritengo ci sia la spiaggia più bella del paese!) rimane a ridosso della Via Aurelia.

Vi invito a fare una bella camminata ascoltando il rumore del mare  nella tranquillità, i vostri bimbi potranno scorrazzare senza passaggi di auto e moto.

Al termine del paese sotto la passeggiata potrete visitare la Chiesa di Nostra Signora della Consolazione in origine un convento Agostiniano. Dalla sua imponente scalinata si arriva sul sagrato come a picco sul mare: la chiesa a Nord è orientata verso la montagna.

Nel 1816, l’apertura della strada carrozzabile che passa a monte vide la distruzione di due campate; per la sistemazione del nuovo accesso,fu possibile effettuare il rifacimento della facciata decorata in forme neogotiche.

La chiesa custodisce numerose testimonianze di un ricco passato.

Un’altra tappa obbligata è la Passeggiata Romana sul promontorio della Crocetta, antica via di comunicazione con gli altri paesi. Una finestra sul mare dalla quale potrete scrutare l’orizzonte aspettando il tramonto, guardare il paese dall’alto passeggiando tra le ville d’epoca.

Lungo la passeggiata e nelle vie del centro troverete diversi locali alla moda per fare un piacevole aperitivo al tramonto, oppure pranzare o cenare all’aperto e nelle stagioni più fredde all’interno dei locali.

Ma il paese non finisce qui, se mi seguirete vi racconterò quante altre cose piacevoli ci sono da visitare.

Nel frattempo vi aspetto in passeggiata!

Viviana Ferentilli

Le immagini sono di Fiorenzo Rosa sito: www.fiorenzorosa.it