Lei si chiama Alhena Begards, ha 17 anni, è tortonese e frequenta il Liceo “Giuseppe Peano” in viale Vittorio Veneto. Nella settimana appena trascorsa è stata protagonista di un clamoroso successo: insieme ad altri tre suoi coetanei provenienti dal Messico, dall’Inghilterra e dalla Repubblica Ceca, ha vinto le Olimpiadi Internazionali di Tedesco ottenendo il primo posto come miglior lavoro di gruppo e di collaborazione. 

Si trattava della rassegna IDO 2020 alla quale hanno preso parte oltre 130 studenti provenienti da ogni parte del mondo che, come Alhena, avevano ottenuto il diritto a partecipare all’evento dopo essere usciti vittoriosi dal concorso IDO, precedentemente indetto dal Goethe –Institut


Un successo forse inaspettato quello di Alhena, ma assolutamente meritato: la giovane di madre tortonese ha vissuto fino all’età di 10 anni in Francia per poi stabilirsi qui a Tortona e conosce alla perfezione tre lingue: italiano, francese e Tedesco, oltre ovviamente anche all’inglese e questo successo premia il suo impegno.

Il concorso è durato praticamente una settimana e per saperne di più abbiamo avvicinato Alhena per un piccola intervista.

Alhena, spiegaci di cosa si trattava

Avendo vinto la fase nazionale del concorso organizzato dal Goethe-Institut – Istituto Culturale della Repubblica Federale di Germania- mi è stata data l’opportunità di partecipare alla fase internazionale che avrebbe dovuto svolgersi a Dresda, l’ultima settimana di luglio. Purtroppo, causa Coronavirus, non era possibile spostarci e raggruppare tutti i ragazzi; ciononostante il team del Goethe-Institut di Dresda, guidato dalla loro perseveranza ed energia, ha dato alla luce la prima edizione Online del concorso.

E come avete fatto a conoscervi?

Tramite l’applicazione “Zoom-Meeting” è stato possibile conoscerci e creare un ricco e stimolante scambio culturale.  Inizialmente siamo stati divisi in due gruppi secondo il fuso orario, affinché tutti potessero seguire le videoconferenze.  In seguito, le giornate venivano inaugurate da una live in diretta con saluti iniziali e un “Warm Up” per rompere il ghiaccio.

In cosa consisteva il concorso?

Il concorso consisteva nel superamento di due prove : la prima individuale, durante la quale abbiamo commentato e provato a riprodurre un’opera d’arte a nostra scelta in seguito ad una visita virtuale della “Gemӓlde Galerie” di Dresda e la seconda di gruppo, durante la quale abbiamo interpretato una scenetta teatrale. 

E avete fatto soltanto questo?

Assolutamente no, tutta la settimana si è concentrata anche su numerose altre attività e dibattiti di vario genere tra noi e i ragazzi dell’istituto, naturalmente in lingua tedesca. La settimana si è conclusa venerdì 7 agosto con la premiazione : insieme ad altri 3 miei compagni provenienti dal Messico, dall’inghilterra e dalla Repubblica Ceca, abbiamo ottenuto il primo posto come miglior lavoro di gruppo e di collaborazione. 

Non deve essere stato facile rimanere attaccata al computer per così tante ore e parlare continuamente in tedesco…

La stanchezza che ho risentito in alcuni momenti dovuta alla permanenza davanti al computer per diverse ore è stata del tutto compensata dalla felicità e soddisfazione provata conoscendo i miei coetanei da tutto il mondo, scoprire la loro cultura, le loro tradizioni, comunicare con loro abbattendo ogni tipo di stereotipo e luogo comune. 

Quindi, oltre ad essere molto soddisfatta del risultato immagino la reputi un’esperienza positiva

Certo, e grazie al Goethe-Institut e alla preparazione ricevuta dalla mia insegnante Silvia Ghislieri del Liceo.Peano è stato possibile contribuire alla creazione di un’enorme comunità di scambio e di apprendimento in un’atmosfera leggera e ludica, nella quale uguaglianza e fratellanza ne erano i principali protagonisti. Ognuno di noi, senza nessuna eccezione si è sentito accettato ed accolto a braccia aperte e rimarrà sicuramente un’esperienza unica che ricorderemo a lungo.