Sensuale nella sua interezza e passionale come pochi. Sono queste due delle sensazioni che trasmette a prima vista “Il bacio” tra Romeo e Giulietta, la preziosa opera di Gaetano Previati che va a d arricchire il Museo del Divisionismo.

Un quadro che in realtà ha tre nomi: “Penombre o Giulietta e Romeo o Il bacio”.


Parliamo di un nuovo recente investimento fatto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona per rendere sempre più importante il Museo del Divisionismo e, una volta terminata questa emergenza del Coronavirus (perché finirà, è certo), richiamare sempre più gente a Tortona con indubbi vantaggi per l’economia locale.

Parliamo di un’opera molto importante, che quasi un secolo anni il quadro ha fatto parte di collezioni private (prima del Conte Vincenzo Giustiniani e poi di Guido Antonioli) per poi essere venduto da Christie’s nel 1988 e nel 1990 e adesso dopo 30 anni è diventata di proprietà della Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona e contribuirà a rendere sempre più prestigioso un museo che fra i più prestigiosi di tutta la Regione e uno dei più importanti d’Italia in questo settore pittorico.

Un fiore all’occhiello di Tortona dal quale dovrà partire quell’azione di valorizzazione della città e del Circondario voluta dalla Giunta-Chiodi che purtroppo, in queste settimane – come in ogni altra parte d’Italia – ha subito un brusco stop a causa di questo maledetto virus.

Il Bacio tra Romeo e Giulietta di Gaetano Previati ha tutta una sua storia ed è stata raccontata da diversi quotidiani milanese quando, nei gironi antecendenti all’emegenza da Coronavirus, il quadro, prima di arrivare a Tortona è stato esposto per alcuni giorni in una galleria di Milano e visto da migliaia di persone che hanno fatto la fila per poterlo ammirare.

“Tra le infinite opere d’arte sconosciute al grande pubblico – scrive Manuela Caserta su L’Espresso -ve n’è una eclissata per anni, probabilmente nella collezione di diversi privati per i quali potremmo provare una feroce invidia, solo per il fatto di avere avuto il privilegio di immergersi nell’incanto, ogni giorno, con un solo sguardo. Stiamo parlando de Il Bacio di Gaetano Previati, un’opera che in via del tutto eccezionale rimarrà esposta al pubblico per soli tre giorni, dal 14 al 16 Febbraio, presso la galleria milanese Bottegantica.”