Importante successo letterario per la 30enne dianese Giulia Quaranta Provenzano che si è aggiudicata ancora una volta il Premio Speciale della Critica al Premio Internazionale di Letteratura per la Pace Universale “Frate Ilaro del Corvo”, XII Edizione svoltosi durante il Dante Lunigiana Festival.

La giovane è stata infatti molto apprezzata per la sua silloge poetica edita dal titolo “Nessun tempo dura” [CEI – Centro Editoriale Imperiese, 2017], considerata dal Presidente del Centro Lunigianese di Studi Danteschi Mirco Manuguerra e dal Direttore del Premio Hafez Haidar un’<<intensa ed ampia analisi della realtà>> con un importante e considerevole focus vertente proprio sulla seconda cantica dantesca, il Purgatorio.


A seguire “A lui”, uno dei componimenti della Quaranta Provenzano, che recita <<Il ricordo riposa/ nel pensiero, nettato ritorna/ alla mente come eco d’ironia leggera.// Consolatore, amico, amante silenzioso/ in quest’alba senza nuvole ti rivedo.// Luce che filtra lentamente,/ vela le ultime stelle nel cielo indaco/ che con dita sottili spinge ai bordi la notte.// Nell’alba sempre ti voglio/ e, mentre ancora tutto tace,/ mi cullo in un’assordante assenza.// Immagini e respiro,/ forte il battito quale musica>>. Ed ancora di Giulia i versi di “Atlantide nel vuoto”: <<Nella notte di luna piena/ lugubre rintocco sale/ dal fondo del mare;// un giovane marinaio giura/ averlo sentito. Attraversa la schiena/ un brivido di morte, senza pace/ l’anima dannata.// Sussurri in laguna,/ demoniaci questi/ timori – perduto>>.