Era malato da tempo e lo si sapeva e oggi, martedì 31 dicembre, poco prima di mezzogiorno, il suo cuore si è fermato per sempre e lui è morto.

Parliamo del Sindaco di Volpedo, Giancarlo Caldone. Aveva 62 anni ed amava il suo paese dove ha rivestito per tre legislature la carica di primo cittadino ed era stato anche consigliere provinciale per la coalizione di Centro Sinistra.


Caldone è spirato mentre era ricoverato all’ospedale di Tortona in seguito a un tumore che lo aveva colpito già da molti mesi e che le aveva impedito di prendere parte alla vita sociale e politica del paese che amava tanto, non ultima la “Biennale” del Pellizza, evento a cui teneva tantissimo.

Nella notte tra ieri e oggi le sue condizioni si son o aggravate ed è stato ricoverato all’ospedale di Tortona dove questa mattina è deceduto.

Se Giuseppe Pellizza è stato così tanto valorizzato negli ultimi, parte del merito oltre all’associazione che porta il nome del pittore lo si deve proprio a Caldone, così come si deve a lui, soprattutto, la valorizzazione urbanistica del paese diventato più bello e in ordine grazie all’arredo urbano e a tanti interventi di rilievo voluti dallo stesso Caldone.

Giancarlo Filippo Pio Caldone (questo era il suo nome completo) era single, aveva frequentato l’istituto “Carbone” di Tortona e poi era stato assunto come impiegato presso la sede di Alessandria della Regione Piemonte, in via Guasco, il lavoro che gli dava da vivere, ma la sua passione innata è sempre stata la politica nelle file del Centro Sinistra ed in particolare dei socialisti. Come detto ha fatto tre mandati di sindaco e uno di assessore provinciale nella giunta di Alessandria guidata da Paolo Filippi.

Il suo ultimo pensiero pubblico è stato per la strage di Piazza Fontana, il 13 dicembre scorso, quando sulla sua pagina FB scrisse: “Per Ricordare e non dimenticare: il 12 Dicembre di Cinquanta anni la Strage di Piazza Fontana nella Banca dell’Agricoltura di Milano, ieri tutto il Consiglio Comunale di Volpedo ha osservato un minuto di Solidarietà per le vittime della Strage tutto ciò , nella nostra piccola comunità per Ricordare e mai dimenticare.”

Il rosario sarà recitato domani, mercoledì 1° gennaio alle 20.30 presso il comune di Volpedo e il funerale giovedì alle ore 11.