martedì 12 novembre  2019      ore 21

 Davide Mattiello presenta il libro

Isagor

La Repubblica d’Europa   Oltre gli Stati nazione

Add Editore 2019

Introduce e modera il giornalista Piero Bottino, caporedattore de La Stampa, Alessandria

Sala Conferenze  Casa di Quartiere    via Verona 116  Alessandria

Un libro-manifesto per  affermare la necessità di ripensare il presente, La Repubblica d’Europa. Oltre gli Stati nazione di Isagor.

Isagor è il nome di un consorzio che raccoglie otto voci ed è l’acronimo del gramsciano  «Istruitevi, Agitatevi, Organizzatevi».

Isagor è: Maria Chiara Giorda, docente universitaria a Roma 3; Luca Mariani, giornalista; Sara Hejazi, antropologa; Anna Mastromarino, docente universitaria, costituzionalista; Davide Mattiello, presidente Fondazione Benvenuti in Italia; Marco Omizzolo, responsabile scientifico di In Migrazione, presidente di Tempi Moderni e ricercatore Eurispes; Leonardo Palmisano, scrittore e giornalista; presidente della Coop editoriale Radici Future; Francesca Rispoli, Ufficio di Presidenza di Libera.

C’è una parola che forse più di “collettivo” esprime il concetto di un sodalizio che voglia farsi carico dell’azione politica: “consorzio”. Il termine “consorzio” rimanda al comune destino che lega diversi individui, rimanda alla corresponsabilità e cioè all’interdipendenza di ciascuno da tutti gli altri.»

Da più parti si alza il grido che l’Europa sia finita, che l’esperimento nato dalla volontà di portare pace ed equilibrio economico al continente sia fallito sotto i colpi di burocrazia, immigrazione, finanza.

Su questa tesi si costruisce il consenso di cittadini arrabbiati, si propongono soluzioni estreme come l’uscita dall’euro, si parla di un ritorno al sovranismo nazionale, in un’ottica di chiusura al mondo che verrà.

Schiacciata da queste spinte e attaccata da più fronti, l’Europa deve trovare una nuova strada per garantire a se stessa e ai suoi cittadini uno spazio di diritti condivisi, di sviluppo sostenibile e di capacità di accoglienza dei nuovi flussi migratori del mondo.

Uno spazio che sappia governare il proprio tempo e non subirlo.

«Abbiamo una convinzione. Gli europei possono costruire un futuro nel quale le guerre siano illegali, la terra viva e vegeta, i bambini liberi di crescere fuori dalla paura e dal bisogno. Tutti, non soltanto quelli che nascono ai piani alti della ziqqurat terribile che chiamiamo società globale. Per farlo è necessario trasformare l’Unione Europea in una Repubblica: la Repubblica d’Europa.

Una Repubblica unita e indivisibile, democratica, fondata sulla libertà e sulla responsabilità. Niente di meno.»

Gli autori di questo libro-manifesto affermano la necessità di ripensare in maniera radicale la forma che vogliamo dare all’Europa. Auspicano la nascita di una Repubblica d’Europa che, superando gli Stati nazionali, costituisca una nuova realtà politica, economica, culturale e strategica.

Come sarebbero il lavoro, la scuola, l’informazione, la sicurezza, la solidarietà, l’economia nella nuova Repubblica d’Europa? Otto autori (economisti, giuristi, giornalisti, antropologi, formatori, politici) affrontano i nodi principali per avvicinarci a questo unico futuro possibile.

Evento organizzato dal Presidio Anna Pace di Libera Alessandria e dall’Aps Parcival

Alle ore 20,30 sarà possibile degustare i prodotti di Cascina Saetta, primo bene confiscato alle mafie in provincia di Alessandria.

Per saperne di più:

L’Europa? Mattiello: “Un condominio litigioso dove ci si fa concorrenza sleale”
Contenuto non disponibile
Consenti l'utilizzo dei cookie cliccando su "Accetta" nel banner, oppure scorrendo e navigando la pagina e il sito"

Chi è Davide Mattiello

Nato nel 1972 a Torino, fin dalla scuola è attivo nel mondo del volontariato cattolico passando  dal Cottolengo alla  GiOC. Dopo la laurea in giurisprudenza sceglie di concentrare le sue energie nell’educazione alla legalità, nell’accoglienza, nella lotta alle mafie e alle ingiustizie. Dal 1999  al 2010 è presidente  dell’Associazione Acmos onlus.  Dal 2002 al 2010  referente regionale di Libera Piemonte e dal 2009 al luglio del 2012 membro dell’Ufficio di Presidenza di Libera, con responsabilità sull’organizzazione territoriale nazionale. Nel 2011 socio fondatore e presidente della Fondazione Benvenuti in Italia, carica che ricopre fino al 2015.

Dal 2013 al 2018 è  Deputato della Repubblica nella XVII legislatura, eletto come indipendente nelle liste del Partito Democratico e Membro delle Commissioni Giustizia e della Commissione Interparlamentare Antimafia. In questa Commissione è nominato Coordinatore del V Comitato che ha prodotto una inchiesta sui Testimoni di Giustizia. Un lavoro lungo e complesso che ha portato a redigere una relazione approvata all’unanimità, risoluzioni parlamentari e proposta di legge sottoscritta da tutti i gruppi parlamentari e votata all’unanimità dalla Camera.

Nel 2016 aderisce ufficialmente al Partito Democratico.

Da marzo del 2018, terminata l’avventura parlamentare, ritorna a ricoprire il ruolo di presidente della Fondazione Benvenuti in Italia.

Ha scritto: Adesso, fare nuova la politica (Edizioni Gruppo Abele), La mossa del riccio (Add), ’95. Tanti auguri ragazzi! (Add), L’onere della prova (Melampo edizioni), L’inizio (Marotta e Cafiero) e La Repubblica d’Europa  (ADD) con il collettivo ISAGOR.