Per la prima volta da tempo immemorabile arriva una notizia positiva per l’ospedale “Santi Antonio e Margherita”. L’ha annunciata ieri pomeriggio, l’Ufficio Stampa dell’Asl con il seguente comunicato che pubblichiamo integralmente:

*********************

Da tempo la Direzione Generale dell’ASL AL sta valutando, con i Sindaci del territorio e con i professionisti interessati, la situazione degli Ospedali di Acqui Terme e di Tortona, per migliorare l’appropriatezza e la sicurezza nella gestione dei pazienti, utilizzando al meglio il personale.

Proprio ieri il Direttore Generale dell’ASL AL ha incontrato i Sindaci di Acqui e Tortona per presentare la revisione del modello organizzativo della “guardia interdivisionale”, effettuata da figure mediche e chirurgiche di varie discipline, adottato in via sperimentale nel 2016 e che dovrebbe andare a superamento il 1 Dicembre prossimo.

In analogia con quanto avviene presso gli Ospedali di Casale Monferrato e di Novi Ligure, sede di DEA di I livello, si intende attivare anche presso il Pronto Soccorso di Acqui Terme e Tortona la presenza di un secondo medico durante il turno notturno. A questo scopo è stata proposta una soluzione che prevede il reperimento di medici idonei, utilizzando incarichi professionali dedicati.

La procedura partirà nei prossimi giorni.

Rossella Poletto – Addetta stampa A.S.L. AL