Mobilitazione per un pentolino a fuoco lasciato bruciare in una casa in custodita da i richiedenti asilo che sono usciti “dimenticando“ il gas acceso.

[wp_bannerize_pro orderby="random" categories="322"]

E accaduto ieri pomeriggio a Tortona in corso della Repubblica 54: da un alloggio al terzo piano stava uscendo del fumo che ha messo in allarme gli abitanti del condominio e anche i passanti.

Qualcuno ha dato l’allarme e sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Tortona.

I  pompieri hanno provato a suonare il campanello ma nessuno era in casa e così si sono recati al piano di sotto, e da lì sono saliti al piano superiore con una scala, poi hanno hanno rotto il vetro della porta finestra (che era pure chiusa) e sono entrati nell’alloggio.

Una volta all’interno hanno subito capito che il fumo proveniva da un pentolino lasciato bruciare sul fuoco acceso.

In casa, secondo sopralluogo dei vigili del fuoco. non c’era nessuno e così, dopo aver messo in sicurezza tutto sono  e usciti hanno avvisato la cooperativa che si occupa della “custodia“ dei migranti richiedenti asilo.

Non è la prima volta che succedono fatti un po’ particolare in questo appartamento: i vicini di casa lamentano situazioni non cristalline ma mai era accaduta una cosa del genere.