Si è conclusa con grande soddisfazione da parte di studenti e docenti la prima fase dello scambio culturale con il Lycée des sciences de la terre et du vivant di Hazebrouck, cittadina francese vicina a Lille, e dal 10 al 14 aprile si terrà la seconda quando saranno i ragazzi del liceo “Amaldi” a recarsi in Francia. “Una esperienza-sottolinea l’insegnante Marina Coscia che cura l’ iniziativa-che li aiuterà a sviluppare le proprie competenze comunicative ed a vivere l’interculturalità come un’ occasione di arricchimento personale.

Una occasione unica per imparare a sapersi adattare con maggiore senso di responsabilità ed apertura verso le differenze ed incontrare un’altra cultura con semplicità, senza pregiudizi preconfezionati.” Il programma preparato per gli studenti francesi ed i loro docenti da parte del liceo Amaldi è stato denso, ricco, teso a fare conoscere loro la realtà culturale ed economica della nostra zona. Con una piccola digressione, il giorno del loro arrivo in Italia, quando sono stati accompagnati a Milano per una breve visita guidata del centro e dei principali punti di interesse. La visita è stata condotta in lingua francese dalla professoressa di Storia dell’Arte Mariangela Pelletta in collaborazione con Samuele Parodi studente della classe 5^L.


Il giorno dopo, grazie ad Emilia Bonadeo  della 3^L e Elisa Orlandi della 3^H, hanno svolto una visita guidata del centro storico di Novi in lingua inglese, accompagnati dal prof. Ferdinando Iacomini. Il 22 marzo, dopo le regolari lezioni antimeridiane, gli studenti si sono recati presso l’azienda agricola “La Raia”, per una visita in lingua inglese. I ragazzi hanno avuto la possibilità di conoscere i vantaggi di una agricoltura biologica e biodinamica attraverso il recupero di coltivazioni antiche e la reintroduzione dell’allevamento del bestiame a pascolo, con mucche di razza fassona. Apprezzando, inoltre,o la produzione di pregiatissimi vini bianchi e rossi,  mieli biologici di acacia, millefiori e bosco.   Il 23 marzo, il giorno prima della loro partenza, visita all’Outlet di Serravalle che è stato un’ulteriore occasione di scambio e condivisione per tutti gli studenti.

Maurizio Priano