Il Molo delle tartarughe di Diano Marina è il centro del divertimento estivo cittadino. Il palco viene utilizzato per spettacoli all’aperto e il grande spiazzo libero è in grado di ospitare quasi un migliaio di persone, tuttavia l’uso è limitato a concerti, serata musicali con Gianni Rossi e poco altro.

Molo e palco vengono utilizzati una trentina di volte all’anno, forse qualcuna in più, poche su 365 giorni e sui numerosi periodi di bella stagione in cui è baciata Diano Marina col sole caldo e la temperatura mite per molti mesi all’anno.


E’ possibile utilizzare meglio e per più giorni a scopo ludico/ricreativo il Molo delle Tartarughe?

E’ quello che si sono chiesti gli amministratori comunali di Diano Marina che – sempre nell’ottica di favorire e aumentare il flusso turistico  – hanno dato incarico l’Avvocato Paolo Gaggero Paolo dello Studio Legale in Via Roma, n.4, per un indagine di indirizzo volta a capire come si può migliorare l’utilizzo del Molo delle Tartarughe, cosa metterci, ma soprattutto per supportare il Comune in tutto il procedimento istruttorio relativo alla realizzazione di opere di miglioramento delle funzionalità del Molo delle Tartarughe e – dettaglio non da poco – come reperire i fondi per realizzare tali opere.

Il miglioramento, infatti, necessita di competenze plurime e specialistiche, nonché di un lungo iter istruttorio che comprende diverse e svariate fasi che vanno dal reperimento del finanziamento dell’opera stessa allo svolgimento di conferenze di servizi, stesura di atti, contratti ed atti formali, nonché costanti ed assidui rapporti con diversi Enti competenti in materia (Regione Liguria, Ufficio Demanio Marittimo, Agenzia del Demanio,etc.) che l’Avvocato Gaggero dovrà curare.

Una manifestazione al Molo delle Tartarughe