Era il 19 Ottobre del 1970, quando l’Appuntato Vaccarella, insieme a un commilitone, intervenne presso la cascina Carmelitana, dove era stato segnalato un furto in atto. L’Appuntato incrociò i malviventi, ma venne attinto mortalmente da colpi di arma da fuoco. Un sacrificio che un anno dopo il delitto l’allora Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat riconobbe con il conferimento della medaglia d’oro al valor civile.

Nato a Ponte, in Provincia di Benevento, nel 1930 e destinato alla Stazione dei Carabinieri di Gavi, è ricordato ancora dalla comunità gaviese, che rimase molto scossa da quel tragico episodio, tanto che sul luogo dell’omicidio da allora esiste una lapide che ricorda l’Appuntato, al quale nel 1996, fu intitolata la caserma dei Carabinieri di Arquata Scrivia.


Nella mattinata di ieri è stata celebrata una messa nella chiesa parrocchiale di San Giacomo Maggiore, alla quale è seguita una cerimonia commemorativa presso la lapide.

Nella serata di ieri a Ponte, presso la Chiesa di Sant’Anastasia M. i figli del militare si sono riuniti per la commemorazione del genitore, ringraziando il Sindaco ed i Carabinieri di Gavi per il pensiero rivolto al padre.