Si è tornato a parlare delle inesistenti infiltrazioni mafiose nel Comune di Diano marina, una vicenda che tutta Italia conosce molto bene e che due anni fa era salita agli onori della cronaca.

Il nome di Diano Marina sarebbe ricomparso in questi giorni nell’audizione che il presidente della commissione parlamentare antimafia Rosy Bidi ha avuto in Regione.


Crediamo sia doveroso ricordare a tutti che la questione, come accertato in un decreto del Ministro Angelino Alfano (http://www.interno.gov.it/sites/default/files/modulistica/decreto_del_ministro_diano_marina_im.pdf) si è chiusa con un nulla di fatto: tutta “fuffa” e accuse messe che si sono rivelate prive i fondamento.

Il decreto del Ministro Alfano esclude le infiltrazioni mafiose all’interno della macchina comunale di Diano Marina e la conferma della Giunta – Chiappori avvenuta alle ultime lezioni dello scorso anno con quasi la metà dei votanti  conferma anche che i dianesi hanno compreso che si trattava  di illazioni prive di fondamento.

Questi sono i fatti, tutto il resto non conta nulla.