Domenica 17 settembre, nel contesto della “Festa patronale da Cuntrò ‘d Sua”, Serravalle Scrivia ospiterà una tappa della “Pedalata Longa per i Diritti Umani”, l’impresa che Vittorio Barbanotti porta avanti dal 9 settembre. Il ciclista verrà accolto nella mattinata di domenica dall’Amministrazione Comunale che attesterà ufficialmente il suo passaggio e gli offrirà ristoro e ospitalità per la notte.

Vittorio Barbanotti è partito con la sua “Pedalata Longa per i Diritti Umani” lo scorso 9 settembre 2017 dal Comune della Città di Rho e concluderà l’impresa, dopo aver toccato 38 città per altrettante tappe, il 28 ottobre a Strasburgo, sede del Parlamento Europeo per i Diritti Umani. Qui incontrerà le Istituzioni parlamentari della città per poi recarsi, a impresa terminata, a Bruxelles e incontrare la delegazione italiana dei Parlamentari Europei.


Chilometri su chilometri con l’intento di sollecitare le amministrazioni comunali, provinciali e nazionali, a chiedere nelle scuole un momento di incontro per la discussione e la conoscenza della Dichiarazione dei Diritti Umani, che si avvia ormai al compimento del suo 68° anniversario e la cui applicazione urge oggi più che ieri.

“Basti pensare agli episodi di bullismo ai danni di disabili e coetanei dentro e fuori le scuole- ha detto Barbanotti- alla violenza sulle donne e al femminicidio, a fenomeni crescenti come l’omofobia, alle condizioni di molti migranti o rifugianti non accolti e abbandonati al loro destino; ed ancora, alla condizione delle nostre carceri, dove vige una situazione di illegalità strutturale; agli episodi di tortura, il linguaggio violento in politica e sui social network”.

L’iniziativa è organizzata dal Comitato Diritti Umani di Milano e dal Coordinamento Nazionale per la Promozione e Protezione dei Diritti Umani.