Questa mattina la Giunta Comunale di Imperia ha approvato la “Strategia Urbana Integrata Sostenibile – S.U.I.S.” del POR FESR Liguria 2014-2020, per alcuni importanti interventi che riguardano due obiettivi tematici: la riduzione delle emissioni mediante la riqualificazione energetica di edifici comunali e la prevenzione di rischi climatici mediante la riduzione del dissesto idrogeologico.

La principale novità, rispetto alle indicazioni già fornite nei mesi scorsi, è che nell’elenco dei progetti finanziabili  è stata inserita anche la piscina Felice Cascione, per cui è previsto un intervento di rifacimento della copertura con coibentazione a mezzo di pannelli sandwich centinati; tale intervento consentirà di ottenere sia una importante riduzione dei consumi energetici di un immobile pesantemente energivoro, sia la soluzione di problemi di carattere strutturale della copertura.


Nell’ambito del S.U.I.S. sono stati inseriti altri importanti progetti, alcuni dei quali già in corso d’opera tramite risorse comunali e  relative al dissesto idrogeologico ovvero: 3 lotti dell’intervento di mitigazione del rischio del rio Artallo;  il primo lotto della frana di Montegrazie; il primo lotto del progetto di consolidamento di via privata Gazzano   e del rio Bardellini; il primo lotto di strada Francesi; il primo lotto di via San Benedetto.

L’Assessore Giuseppe De Bonis, che con il settore Ambiente sta lavorando di concerto con il settore LLPP, commenta: “Gli interventi già finanziati con risorse del Comune ammontano ad oltre 1.700.000 e sono già in corso di realizzazione o di prossima partenza; andiamo a risolvere criticità importanti per la sicurezza dei cittadini e la vivibilità della città”.

Tali interventi verranno inseriti comunque nel POR FESR, essendo compatibili con gli obiettivi dello stesso in quanto costituiranno la quota di co-finanziamento del Comune sull’intervento complessivo, come spiega l’Assessore ai LLPP Guido Abbo: “Il contributo che la nostra amministrazione ha  ottenuto dalla UE è di 4.800.000 euro, di cui il 30% (ovvero 1.440.000) corrisponde alla quota dovuta dal comune. In questo modo i co-finanziamenti per  i lavori già eseguiti, risultano congruenti con gli obiettivi del POR e permetteranno alle casse comunali di ottenere un finanziamento di ulteriori 3.360.000 per altri importanti interventi”.

Tra le situazioni su cui si potrà intervenire con i contributi comunitari troviamo il 2° lotto della frana di Montegrazie, il 2° lotto via Gazzano, un importante intervento di regimentazione delle acque bianche da Via San Luca sino ad Oneglia, la copertura della Piscina Felice Cascione, la Biblioteca Civica Lagorio e il Teatro Cavour. Nello stesso elenco potranno essere inseriti anche diversi interventi, esclusivamente a carattere energetico, sulle scuole di: largo Ghiglia, piazza Mameli, via vecchia Piemonte e via Argine destro”