La segnalazione, con tanto di fotografia, arriva da un a lettrice che nella giornata di ieri, giovedì 3 agosto, si trovava al Pronto Soccorso dell’ospedale di Tortona e ha notato alcuni scarafaggi di grosse dimensioni girovagare bellamente in pieno giorno dentro l’ospedale.

Abbiamo lumi all’ASL di Alessandria che ha confermato la presenza degli scarafaggi ma non ieri, bensì a fine luglio.


“Il protocollo che riguarda interventi contro le blatte – ci hanno detto alla Direzione dell’Asl AL è diverso da quello sulla derattizzazione che avviene ad intervalli ciclici. Le disinfestazioni le facciamo soltanto quando gli operatori ci segnalano la presenza di questi insetti com’è accaduto il 20 luglio scorso in radiologia, sempre all’ospedale di Tortona. Ad ogni non abbiamo ricevuto segnalazioni in merito, quindi la presenza di blatte o scarafaggi a noi non risulta,”

Nessun intervento quindi, anche se l’immagine della lettrice è chiara, ma devono essere gli operatori sanitari a segnalare ai superiori la questione…..

:La presenza di scarafaggi dentro la struttura non è un bene perché i rischi  alla salute sono di una certa entità. Le specie che rappresentano un’emergenza sarebbero meno di una decina[1][28], ma le stesse sono responsabili della trasmissione di alcune fra le più importanti malattie del mondo[1]. I Blattodei sono infatti possibili vettori di virus, batteri, protozoi, nematodi, cestodi, a loro volta responsabili di affezioni più o meno gravi[4]. Fra le possibili affezioni trasmesse attraverso la contaminazione degli alimenti sono citate la dissenteria, la salmonellosi, l’epatite A, la poliomielite, la malattia del legionario[28][29][30]. Gli scarafaggi, inoltre, trasmettono antigeni che causano l’insorgenza dell’asma.