Il 2017 è l’anno della XIII edizione ufficiale del Capodanno Alessandrino e la Città si prepara a vivere gli eventi della sera del 31 agosto (questa la tradizionale data del Capodanno di Alessandria) con l’attesa che si vive per le grandi occasioni.

Un elemento, in particolare, caratterizza questa attesa e identifica la cifra interpretativa di tutta la kermesse: si tratta della “passione”.


Uno stato d’animo — che è anche il titolo dato all’edizione 2017 — che si declina in molteplici forme, sfumature e temi di attenzione: passione per la vita, per gli altri, per la società, per la cultura, per l’arte, per la musica, per lo sport, per l’enogastronomia. Passione per una festa che non ha eguali, passione per condividere momenti indimenticabili. Passione come parola dominante di un “nuovo” anno: quello che inizia in Alessandria il 1° settembre, quando i tempi rilassati e lievi della vacanza lasciano il posto a quelli, più frenetici, del ritorno al lavoro, a scuola, agli impegni della quotidianità.

Questi gli “ingredienti” del Capodanno Alessandrino 2017 che sono stati presentati ufficialmente nella conferenza stampa odierna, alla presenza di Davide Buzzi Langhi, Vicesindaco del Comune di Alessandria, di Riccardo Molinari, Assessore comunale al Commercio e Marketing Territoriale di Alessandria, di Cherima Fteita, Assessore comunale alle Manifestazioni ed Eventi del Comune di Alessandria, di Monica Moccagatta della Vineria “Mezzolitro” di via Milano – Alessandria, ideatrice del “Capodanno alessandrino”, di Roberto Guaschino, rappresentante sezione alessandrina dell’A.I.L. (Associazione italiana contro le Leucemie e i Linfomi), dei rappresentanti di alcune associazioni e gruppi coinvolti nonché dei titolari dei locali che aderiscono all’iniziativa.

Molte le declinazioni del “Capodanno alessandrino” 2017 che spaziano dagli eventi (musicali e di intrattenimento), alle iniziative benefiche (con la raccolta di fondi che verrà come di consueto devoluta alla sezione alessandrina dell’A.I.L.), senza dimenticare i moltissimi locali del centro cittadino (e non solo) che hanno aderito al progetto e che consentiranno di degustare e brindare in allegria all’arrivo del “Capodanno alessandrino”.

Il tutto grazie anche ad alcuni sponsor tra i quali, per la prima volta, anche la Concessionaria Resicar, insieme alla rete sempre più solida dei titolari di bar, ristoranti, pizzerie, vinerie, osterie che hanno scelto di entrare in una squadra che cresce per animare una festa che non ha eguali.

Il Capodanno Alessandrino in effetti è un evento che deve la sua forza e il suo successo crescente proprio alla spontaneità e alla scelta, fin dalla prima edizione, di scrivere, insieme, un programma complessivo che ogni anno si caratterizza per elementi di novità, così come la scaletta dei singoli eventi e dell’intera serata del 31 agosto da vivere con il sorriso, l’allegria, il divertimento, il colore dominante (il rosso)… e la passione.

«L’Amministrazione Comunale — secondo gli Assessori presenti alla conferenza stampa — riconosce l’importanza di questo evento che è giunto ormai alla sua XIII edizione e che concorre a dare rilievo alla Città anche con echi nazionali per l’originalità della kermesse alessandrina. Da parte del Comune di Alessandria — hanno sottolineato — intendiamo non solo favorire la riuscita della festa mettendo a disposizione, limitatamente alla disponibilità, alcune attrezzature comunali quali palchi, transenne, allestimenti vari, ma porre l’attenzione su due aspetti. Per un verso, il riconoscimento che, con il Capodanno Alessandrino e grazie alla determinazione ed entusiasmo di tutti gli organizzatori ed esercenti, si sia creato un vero e proprio brand cittadino che con questa edizione 2017 dimostra di esprimere un coinvolgimento veramente significativo di tutta la comunità alessandrina. Per altro verso, è importante porre l’attenzione anche sul tema della sicurezza. Per questo, non solo il Servizio di Polizia Municipale garantirà il presidio della viabilità, ma, di concerto con la Prefettura e la Questura di Alessandria e la collaborazione degli stessi titolari dei locali, saremo attenti affinché le disposizioni governative sulla sicurezza per gli eventi pubblici, alle luce anche delle ultime indicazioni pervenute, siano condivise e rispettate».

«La nostra proposta — ha dichiarato in conclusione della conferenza stampa Monica Moccagatta, titolare con Piercarla Negro, della Vineria Mezzolitro, anche a nome di tutti i titolari che hanno aderito e a chi si aggiungerà nelle prossime ore — è che le vetrine, le vie e le piazze cittadine siano ispirate in qualche modo al colore rosso che caratterizza questa edizione 2017. Stesso invito anche ai partecipanti perché indossino qualcosa di rosso la sera del 31 agosto, quando festeggeremo l’inizio dell’anno della passione. Un “inizio” che vivremo lo faremo tutti insieme, ciascuno con proposte diverse, per prendere per mano e guidare chi vorrà festeggiare con noi».

 

GLI SPETTACOLI, gli intrattenimenti e i vip attesi

La dimensione della musica, degli spettacoli e degli intrattenimenti — insieme ai tanti stand lungo le vie e le piazze del Capodanno — caratterizza senza dubbio anche questa edizione del “Capodanno alessandrino” e contribuisce a rappresentarne al meglio la sua natura appasionata e coinvolgente.

Il programma si arricchisce di proposte giorno dopo giorno, ma presenta già eventi “certi” che intendono attrarre molto pubblico. E arriveranno pure ospiti illustri, a conferma della popolarità dell’evento, che ha varcato i confini cittadini e provinciali. Ci sarà, ad esempio, il maestro Beppe Vessicchio e l’attore Andrea Rizzoli, che saranno al Ristorante Il Grappolo (dove sarà ospite anche il Barlicin), punto di partenza e di arrivo anche dei “Banditi della Rocchetta” in concerto itinerante. Per questi ultimi ricordiamo che si tratta di una quarantina di musicisti (fra cui Beppe Sardi) della Banda municipale di Rocchetta Tanaro, diretta dal maestro Corrado Schialva, che ritornano al Capodanno Alessandrino con un’esibizione che partendo da via Casale, toccherà via Vochieri, piazzetta della Lega, via Milano fino a corso Monferrato e ancora via Casale, proponendo brani di un repertorio molto vasto che va dalle marce da sfilata ai brani sinfonici, da quelli classici alla musica leggera…

Gli Explosion si esibiranno sul palco in viale della Repubblica, mentre nella “piazzetta” del Mezzolitro ci sarà Selena’s Swing Society con Selena Bricco e l’animazione delle Sweet Dolls.

Un elenco interessante e molto differenziato nelle proposte di intrattenimento che prevede anche l’esibizione (in piazza Santo Stefano) dei Cantastorie, il gruppo che ha vinto la prima edizione di “Superband”, il concorso organizzato da Il Piccolo e Radio Gold, i due media partner del Capodanno Alessandrino. Di grande attrazione è poi il concerto di Shary Band, in programma in piazza della Libertà e promosso dal Caffè Del Teatro.

Infine, pure una sagra entra nella squadra del Capodanno Alessandrino: quella della “pasta fresca” che tanto successo ha riscosso a luglio nel parco di Marengo. La Pro loco, guidata da Alessandro Marella, ha dunque deciso di concedere questo “bis” nella sera del 31 agosto.

 

La PASSIONE SOLIDALE

Passione per gli altri, per il prossimo è solidarietà. E il Capodanno Alessandrino è, fin dalla prima edizione, una festa solidale. La quota di adesione dei locali che partecipano permette, ogni anno, di destinare una somma alla sezione di Alessandria dell’A.I.L., impegnata a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla lotta alle malattie ematologiche, a migliorare la qualità della vita dei malati e delle loro famiglie e aiutarli nella battaglia quotidiana, a promuovere e sostenere la ricerca.

 

LA SPILLA E IL CONCORSO fotografico

Come per lo scorso anno un elemento caratterizzante il Capodanno Alessandrino erano le bandiere, quest’anno per identificare i locali aderenti alla festa è stato scelto quello di una spilla.

Si tratta di un gadget con il logo creato (come tutta la grafica di ogni edizione del Capodanno Alessandrino) da Renato Vacotti e in cui il coloro rosso (quello della passione) è il tono cromatico dominante come simbolico è il riferimento stilizzato al Ponte Meier: uno dei nuovi monumentali “simboli” di Alessandria. Questa spilla, peraltro, costituirà anche un segnale distintivo per tutti coloro che intendono partecipare al concorso fotografico del Capodanno Alessandrino 2017: per tutto il mese di agosto, scattando una foto o un selfie in uno dei locali dove il 31 agosto si svolgerà la festa — e pubblicandola su instagram con l’hashtag #capodannoalessandrino — si partecipa al contest e si vincono premi, assegnati a chi totalizzerà più “cuoricini” di gradimento.

C’è tempo fino al 1° settembre: il primo premio è una cena per due persone; il secondo è un “aperitivo royal”, sempre per due; il terzo un aperitivo, tutti sorteggiati fra i locali che aderiscono.

Inoltre, quale novità della XIII edizione, è stato indetto anche il premio speciale “best smile” — ossia il premio per il sorriso più bello — offerto dallo Studio dentistico del dottor Marcello Canestri.

 

L’elenco dei locali aderenti (e le relative proposte di intrattenimento)

é veramente significativo il numero dei locali, associazioni e negozi che hanno aderito e accompagnato in queste settimane il count-down verso la sera del 31 agosto. Eccone l’elenco (lista parziale, in fase di ulteriore aumento delle adesioni):

 

  • MezzoLitro: red carpet ed esibizione Selena’s Swing Society (via Milano, angolo c.so Monferrato)
  • La Ghiottosa: farinata (stand inizio corso Roma)
  • Chivitos,uy: specialità uruguaiane (stand via Migliara)
  • Dolci Capricci (via San Giacomo della Vittoria)
  • I Due Fiumi (piazza Santo Stefano)
  • Dai Vinattieri (stand in via Milano)
  • Il Chiostro di Santa Maria di Castello
  • I Due Buoi: food and music (via Cavour)
  • Bar Gipsy’s: cibo e musica (via Galvani)
  • Timo e Rosmarino (via Alessandro III)
  • La Pampelonne (via San Giacomo della Vittoria)
  • Il Cantone Pub (via Santa Maria di Castello)
  • I Bar: food and music (corso Crimea)
  • Di Noi Tre (spazio in piazzetta Santa Lucia)
  • Caffe Marini: concerto Explosion (viale Repubblica)
  • Il Grappolo – Barlicin: cucina, cibo, musica, ospiti (via Casale)
  • Bistrot da Ro (via Trotti)
  • Bike Bar: cibo musica e mostra sulla musica (locali ex Audiovox – via Migliara)
  • Il Moscardo: cultura e cibo (via Volturno)
  • Pasticceria Bonadeo (Galleria Guerci)
  • La Bottega dei Vignaioli: intrattenimenti e vino (corso Monferrato)
  • Le Nouveau Bistrot: cibo e musica sotto le stelle (via Piacenza)
  • Crêpes L’Avarizia: musica e cibo (corso IV Novembre)
  • Il Libraccio (via Milano)
  • Treno bar: serata musicale “Le donne con il tacco” (Lungotanaro San Martino)
  • Ai Due Storti: cibo, drink e buona musica (via Milano)
  • Nuances de Cafe: esibizione scuola danza, food and drink (via Caniggia)
  • Inn Ale Cafe: food and drink (via Dante)
  • Nos3ssCafe: music and drink e cibo (via Ferrara)
  • Mazzini Caffè (stand in corso Roma)
  • Napoleon: cibo e musica (via Rattazzi)
  • Escobar: drink ed esibizione danza di Ciro Siciliano (via Vochieri)
  • Hop Mangiare di birra (via Arnaldo da Brescia)
  • Caffè Del Teatro: concerto Shary Band (piazza della Libertà)
  • Ooh my garage by Roxy: drink, food and djset (piazza Santa Maria di Castello)
  • Circolo Europa-La Casetta: cena e musica (via San Giovanni Bosco)
  • Le Petit Café: drink, food and musica (via dei Martiri)
  • Circolo Aurora – De Martini (corso IV Novembre angolo via Pacinotti)
  • Rinfraschettiamoci (itineranti)
  • Pizzeria La costiera: cena e music
  • Set café Paulista: panettone del capodanno
  • Gastronomia ittica: pesce e vino (via Bergamo)