L’appuntamento è previsto da venerdì 14 a domenica 16 luglio, ma la grande macchina organizzativa del Festival del Libro e degli Scrittori Liguri si è già messa in moto, coinvolgendo un sempre crescente numero di autori, editori, associazioni culturali ed operatori commerciali, ma anche musicisti, attori, fotografi e molte altre figure del panorama culturale locale. E non solo. Pare ormai confermata, infatti, la presenza come “super ospite” dello scrittore, giornalista e “indagatore dell’insolito” Massimo Polidoro, considerato uno dei maggiori esperti internazionali nel campo del mistero e della psicologia dell’insolito. Co-fondatore (insieme a personaggi del calibro di Piero Angela, Umberto Eco, Margherita Hack) e segretario del CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze), dal 1989 conduce indagini, ricerche e sperimentazioni su fenomeni misteriosi, che l’hanno portato a girare il mondo in cerca della verità. Polidoro è anche autore di centinaia articoli e oltre quaranta libri, l’ultimo dei quali, “L’avventura del Colosseo”, verrà presentato dall’autore nel corso del Festival del Libro a Santo Stefano al Mare.

Una presenza di grande richiamo, dunque, che non potrà sfuggire ai molti appassionati lettori ed ai numerosi turisti che popoleranno le strade della cittadina costiera in occasione dell’evento. Uno dei principali scopi della manifestazione, infatti, è proprio quello di rilanciare, attraverso la cultura, il turismo e le attività commerciali nell’intero borgo, attirando i visitatori anche al di fuori del solito circuito legato al turismo “balneare”.


Per il Direttore Provinciale di Confesercenti, Giovanni Cosentino, quest’iniziativa, promossa dalla Atene Edizioni, “avrà sicuramente una ricaduta positiva su tutto il centro storico. Costituisce infatti una bella novità nel solco della tradizione, promuovendo quel turismo di qualità al quale bisogna sicuramente mirare: è una sfida lanciata agli operatori del settore, per crescere e trasformare l’offerta venendo incontro alle rinnovate esigenze dei visitatori”.

Molte saranno le iniziative, molte le opportunità che questa kermesse estiva – si svolgerà dal 14 al 16 luglio – potrà offrire, accompagnando i visitatori alla scoperta degli angoli più nascosti e suggestivi del borgo, scostando il sipario su una storia millenaria scolpita nelle pietre di ogni vicolo ed ogni piazzetta, accendendo i riflettori su una tradizione enogastronomica capace di stregare per l’intensità e la semplicità dei suoi profumi e sapori. Questa è una scommessa vincente per il territorio, che si mette in gioco interamente e rilancia scoprendo tutte le proprie carte, soprattutto quelle che fino ad oggi erano rimaste quasi nascoste al turismo di massa, ma che sono poi proprio quelle su cui puntare per una vera rinascita economica, anche in prospettiva futura.