Lunedì, pomeriggio un cittadino albanese è entrato nel Commissariato di Polizia di Ventimiglia per chiedere un’informazione inconsapevole del fatto che anche in tali casi gli agenti applicano le rigide norme antiterrorismo da tempo in vigore ed effettuano attenti controlli e specifiche verifiche sull’identità.

Il responso dei terminali di Polizia è stato immediato.


H.B., nato in Albania nel 1977, è risultato ricercato in quanto ritenuto appartenere ad un gruppo criminale, composto da ben 37 persone, quasi tutti sui connazionali, dediti allo spaccio di stupefacenti e allo sfruttamento della prostituzione, con l’utilizzo di armi, attivo da alcuni anni in Italia con importanti ramificazioni anche in Francia, Svizzera, Belgio, Olanda e Albania.

L’uomo è stato arrestato in esecuzione dell’ordinanza per l’applicazione di misure cautelari personali emessa dal Tribunale di Firenze e, dopo la compilazione degli atti di rito, è stato condotto nel carcere di Imperia.