Nuova importante operazione antidroga portata a termine dai Carabinieri della Compagnia di Alessandria nei pressi dei gradini pubblici antistanti la stazione ferroviaria, nella zona di Viale Repubblica, conclusasi con un arresto. Infatti, i militari del Nucleo Operativo della Compagnia di Alessandria hanno arrestato per spaccio e detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti Youssef Bensmena, cittadino marocchino di 32 anni, pluripregiudicato anche per reati specifici.

Alle 18.00 circa del 28 aprile, i militari in borghese controllavano la zona di viale Repubblica e notavano il Bensmena, già ben conosciuto per i suoi precedenti per droga, girare a piedi all’interno dei giardini in compagnia di un altro nordafricano che spingeva a mano una bicicletta. I due si spostavano rapidamente da un punto all’altro dei giardini e venivano notati mentre si avvicinavano a diverse persone che, dopo poche battute, si allontanavano. Iniziava così la paziente osservazione dei loro movimenti visto che non avevano motivo per stare in quel luogo per così tanto tempo senza un apparente motivo.


Poco dopo veniva notato un ragazzo avvicinarsi ai due nordafricani, il quale passava una banconota al Bensmena che consegnava al giovane un pezzetto di hashish e passava i soldi ricevuti al complice con la bicicletta. Immediato l’intervento dei militari che bloccavano il Bensmena e l’acquirente, un cittadino rumeno di 33 anni, pregiudicato, quest’ultimo trovato in possesso del pezzo di hashish del peso di circa 2,5 grammi, comprato per la somma di 10 euro. Invece, il complice alla vista dei militari gettava la bicicletta per terra e si dava la fuga a piedi, riuscendo a dileguarsi tra i giardini e per le vie limitrofe. Recuperata la bici in uso al complice del Bensmena, all’interno del cestino e coperto da un giubbotto veniva trovato un panetto di circa 102 grammi di hashish a dimostrazione che i due collaboravano pienamente nell’attività di spaccio.

Tutta la droga veniva quindi sequestrata e il 32enne, che non lavora e ha precedenti specifici anche recenti per stupefacenti, veniva arrestato per spaccio e detenzione di stupefacenti, mentre il rumeno 33enne veniva segnalato alla Prefettura quale assuntore. Bensmena veniva quindi trattenuto nelle camere di sicurezza della Compagnia di Alessandria e la mattina del 29 aprile veniva accompagnato all’udienza direttissima conclusasi con la convalida dell’arresto, la sottoposizione dell’uomo alla misura cautelare del divieto di dimora nel comune di Alessandria e la sua immediata liberazione. Con l’arresto del 28 aprile, salgono a ben 11 gli arresti eseguiti dai Carabinieri della Compagnia di Alessandria nella zona dei giardini pubblici tra viale Repubblica, piazzale Curiel e corso Crimea. Sette gli arresti eseguiti in zona per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti, un arresto veniva eseguito per danneggiamento aggravato nei confronti di un marocchino nella notte del 18 febbraio quando l’uomo aveva sfondato a calci una delle pesanti porte a vetri che permettono l’accesso alla stazione ferroviaria. Un altro arresto veniva eseguito in una notte di metà gennaio all’interno della stazione ferroviaria quando un cittadino rumeno aveva palpeggiato una ragazza che attendeva un treno, tentando di avere con lei un rapporto sessuale.

Gli altri due arresti per lesioni personali aggravate venivano invece eseguiti il 19 e il 23 aprile nei pressi di corso Crimea, entrambi nei confronti di un marocchino autore di due gravi fatti di sangue, quando nel primo caso, fuori dalla mensa dei frati cappuccini, aveva colpito un uomo alla testa con delle bottigliate e nel secondo caso aveva tagliato il mento ad un altro uomo con una bottiglia rotta. Il marocchino si trova attualmente in carcere perché, vista la gravità dei fatti, veniva colpito da un’ordinanza di custodia cautelare.