I Carabinieri del NOE di Alessandria, da tempo impegnati nell’analisi del ciclo dei rifiuti e nel controllo dei vari soggetti che vi partecipano, ha ispezionato un’azienda della parte meridionale della Provincia, dedita al recupero di rifiuti provenienti da note industrie siderurgiche italiane ed estere.

Gli accertamenti compiuti dallo speciale Reparto dell’Arma, hanno riguardato la documentazione in carico all’azienda ed il sito utilizzato dalla stessa per l’esercizio delle proprie attività di impresa.


A seguito dell’esame sono emerse alcune violazioni delle prescrizioni contenute nell’autorizzazione al recupero rifiuti concessa dalla Provincia di Alessandria.

Nello specifico, buona parte dei rifiuti accettati nell’impianto sono risultati essere privi delle certificazioni analitiche necessarie per l’ammissibilità alle operazioni di recupero. Ispezionando l’area di confinamento degli scarti, sono state rilevate ulteriori inadempienze relative le modalità di collocazione dei rifiuti all’interno del sito, in tal modo non distinguibili dalla materie prime.

Il rappresentante legale dell’azienda è stato pertanto deferito all’Autorità Giudiziaria per il reato di inosservanza delle prescrizioni autorizzative in materia di gestione rifiuti.