Erano le 07:30 di domenica quando gli operatori del 113 di Casale M.to hanno iniziato a ricevere segnalazioni sempre più allarmanti circa la presenza di …una bici in autostrada.

Complice il week-end lungo, per il ponte del 25 aprile, anche sulla solitamente tranquilla A26 Casalese, il traffico di auto verso la riviera ligure era sostenuto e quindi la presenza di quel veicolo anomalo ha creato un crescente panico negli automobilisti della domenica.


Sono state quindi allertate le pattuglie della Sottosezione Polizia Stradale di Casale M.to che hanno celermente rintracciato la ciclista all’altezza del casello di Casale Nord, tra lo scorrere degli increduli, ma rincuorati, automobilisti.

I poliziotti hanno quindi identificato la ciclista rimanendo ancor più stupiti: si trattava una cicloturista francese che in sella di una “graziella” adornata di borse ed accessori per lunghe percorrenze, stava visitando il nostro Monferrato ammirata per la bellezza dei paesaggi primaverili.

La turista non è stata certo distolta dai suoi nobili propositi di ecoturista venendo però accompagnata sulla viabilità urbana per poter circolare in condizioni di sicurezza, non prima di averla sanzionata per la violazione commessa ed invitata a non ripetere tale comportamento per la sua ed altrui incolumità.