“Se il mondo non si concentrerà sulla drammatica situazione dei bambini più svantaggiati, entro il 2030 (data conclusiva degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile) 69 milioni di bambini sotto i 5 anni moriranno per cause prevalentemente prevenibili, 167 milioni di bambini vivranno in povertà, 750 milioni di donne si saranno sposate da bambine e oltre 60 milioni di bambini in età da scuola primaria saranno esclusi dalla scuola”.

Questo l’allarme lanciato dall’UNICEF nel suo Rapporto annuale “La condizione dell’Infanzia nel Mondo 2016 – La giusta opportunità per ogni bambino”.


Copia del documento è stato consegnato nel pomeriggio dalla Responsabile della Sezione Unicef di Tortona, Professoressa Maria Teresa Amelotti all’Assessore al Volontariato Sociale e all’Infanzia del Comune di Tortona Marcella Graziano, ed è consultabile sul sito dell’Unicef – area Convenzione sui diritti dell’Infanzia.

All’incontro erano presenti alcuni studenti delle Scuole cittadine insieme al Sindaco del Consiglio Comunale Ragazzi della Città di Tortona che hanno condiviso riflessioni sulle importanti campagne condotte dall’UNICEF, che quest’anno celebra il 70° Anniversario della sua fondazione avvenuta nel 1946 e sugli importanti risultati conseguiti in tanti anni di impegno e volontariato sociale.

Anche la sezione locale di Tortona, al trentacinquesimo anno di attività, conferma il proprio impegno, annunciando sia i tradizionali appuntamenti, il prossimo dei quali, nel fine settimana, con la campagna “adotta una Pigotta”, la bambola UNICEF che contribuisce a salvare la vita di milioni di bambini nel mondo, che nuove iniziative, come l’intenzione di organizzare un interessante convegno sul cyberbullismo e sull’utilizzo consapevole dei social.