Il sindaco di Diano Marina, Giacomo Chiappori – non è affatto contento della nuova stazione (ma chi lo è?) e ribadisce le difficoltà che questo spostamento causerà ai dianesi: “Ci sono molti problemi con l’ubicazione della nuova stazione – dice il primo cittadino –  Naturalmente i problemi si risolvono e vedremo. Purtroppo non entro breve tempo. Faremo degli interventi che servano. Dobbiamo prendere atto che sono cambiate le cose, perché non c’è più la ferrovia per cui adesso cercheremo di rendere più facili  i collegamenti tra la parte alta della città e la parte bassa. La città non avrà più la linea di demarcazione della ferrovia ed è nostra intenzione avviare degli interventi   che avranno una parte economica abbastanza importante e che dovranno essere fatti per dare un minimo di futuro a questo ragionamento, cioè ad un migliore collegamento tra le due parti della città che diventeranno tutt’uno.”

I lavori che intende Chiappori sono quelli già ampiamente anticipati dall’assessore ai lavori Pubblici Cristiano Za Garibaldi e riguardano principalmente la richiesta di affidamento in comodato di alcuni tratti della linea ferroviaria per realizzare parcheggi e collegare meglio le due zone di Diano marina.


Poi c’è il progetto più ampio e generale.

“Sappiamo tutti che c’è una progettazione in atto – conclude Chiappori – Noi abbiamo fatto un accordo di programma, un protocollo di intesa con Regione, ferrovie e gli altri due comuni interessati: Diano Castello e Diano San Pietro. Quindi vediamo. Un passo alla volta in un clima che non è dei migliori. Io non sono Renzi, e non sono propenso a promettere cose che non posso mantenere. Non ci sono i soldi, bisogna cercarli, l’opera è importante e vale una trentina di milioni, quindi bisogna vedere gli sviluppi futuri se l’opera verrà finanziata e quando.”