Sono arrivati primi. Primi in Italia. Primi su 1064 squadre partecipanti. Primi. Sono i quattro ragazzi del Liceo “Amaldi” che si sono imposti nella competizione “Bebras dell’Informatica”, organizzata dal Laboratorio di Didattica e di Divulgazione dell’Informatica dell’Università di Milano. Loro sono Monica Fossati, classe 4^D, Federico Ghiglione (3^B) frequentanti l’indirizzo scientifico e Lorenzo Mazza (4^I) e Filippo Vignoli (3^I) dell’indirizzo Scienze Applicate dell’Amaldi. “Primi! Siamo arrivati primi!”, esclamano i ragazzi al culmine della loro felicità ed anche della loro incredulità. “Primi”, ripetono. Quindi affermano: “Quando ci è stato detto non ci credevamo. Pensavamo addirittura ad uno scherzo. Siamo andati a consultare il sito internet degli organizzatori e, per quanto riguarda il triennio, abbiamo letto il nome della nostra scuola al primo posto. Ci siamo stropicciati gli occhi. Abbiamo riletto. Il nome del Liceo Amaldi, il nome della nostra scuola, campeggiava al primo posto. Una gioia immensa ci ha pervaso.” E poi continuano: “Per ottenere il primo posto in una competizione del genere è necessario un grande impegno ed un efficiente lavoro di squadra: è stato di fondamentale importanza che ognuno di noi si fidasse delle risoluzioni altrui al fine di ottimizzare i tempi di lavoro.”

Quindi confessano: “Alcuni tra i quesiti erano particolarmente ostici e questo ci ha portato a dover costruire tutti insieme il ragionamento corretto per giungere al risultato. Che dire? Non si può nascondere una certa emozione, mista a felicità ed orgoglio, per un così grande risultato che, francamente, nessuno di noi si aspettava.” Monica Fossati, Federico Ghiglione, Lorenzo Mazza e Filippo Vignoli spiegano: “La gara, che si compone di una sola fase, prevedeva la risoluzione in un tempo di 45 minuti di 15 problemi logico-matematici strettamente collegati all’utilizzo dell’informatica. Ottenere i 54 punti con i quali abbiamo concluso la competizione significa che abbiamo dovuto svolgere correttamente 14 dei 15 quesiti proposti. Inoltre  quello che è stato determinante ai fini della vittoria è l’aver impiegato solamente 32 minuti per terminare la nostra gara. A parità di punteggio con un’altra squadra, in questo caso il Liceo Aldo Moro di Reggio Emilia, ci ha permesso di avere la meglio.” Nel momento della gioia, della felicità, non mancano i ringraziamenti: “Non possiamo non ringraziare anche i docenti ed il Dirigente Scolastico del nostro Istituto grazie ai quali tutto ciò è stato possibile.”


Maurizio Priano