Sabato sera si é conclusa la parte tortonese di “Perosi 60” la grande manifestazione musicale in ricordo del 60esimo anniversario della morte di Lorenzo Perosi sponsorizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona che ha proposto una seri incredibile di eventi. Noi siamo il giornale che forse ha seguito più di tutti quello che è accaduto, on una dozzina di articoli in pochi giorni eppure avremo potuto scrivere addirittura di più ma gli eventi erano così numerosi che non si faceva in tempo a scrivere di uno che iniziava già l’altro e così alcuni servizi sono “saltati” mentre su altre iniziative i ritornerò su in seguito.

Per Tortona sono stati avvenimenti eccezionali: tutta la manifestazione è stata do alto livello dal concerto inaugurale alla Settimana della musica con tutti i concerti gratuiti.


I concerti,però sono stati solo uno dei tanti momenti che hanno ravvivato Tortona richiamando tanta gente proveniente da fuori.

Tutto è stato bello e impeccabile, ma fra le tante cose a noi è piaciuta l’idea di mettere i  pianoforti lungo strade e far suonare chi voleva e fra questi, sabato pomeriggio, abbiamo assistito all’esibizione, fuori programma, in via Carducci,  del maestro Maurizio Battegazzore. Sì proprio colui che dieci giorni prima si era esibito con l’orchestra del teatro Regio di Torino: camminava in via Carducci e un suo allievo gli ha gentilmente chiesto se poteva mettersi al pianoforte e suonare. Così’ ha fatto e il pubblico vedendolo si è fermato ad ascoltarlo per poi sommergerlo di applausi alla fine del brano.

E’ solo uno dei tanti aneddoti che si potrebbero raccontare fra i tanti fati avvenuti nella settimana della musica: una settimana fantastica, che i tortonesi ricorderanno a lungo e gran parte del merito va al Direttore artistico Don Paolo Padrini  e alle numerose persone ( e sono tantissime) che hanno collaborato alla buona riuscita dell’iniziativa.

A Tutti, anche a nome di tanti tortonesi che hanno partecipato agli eventi va il nostro incommensurabile “Grazie”