Riccardo bandiera, 43 anni, dianese, fotografo di professione. Chi si è sposato a Diano lo conosce bene e lo apprezza, ma adesso hanno iniziato ad apprezzarlo anche in altre parti d’Italia dove miete successi ai concorsi fotografici.

L’ultimo, in ordine di tempo, è arrivato sabato scorso, 22 ottobre, quando si è aggiudicato il primo premio nella sezione fotografia, alla prestigiosa biennale di Salerno, con gli scatti del progetto Anedonia, ovvero una forma depressiva che causa l’incapacità di provare piacere laddove dovrebbe essere presente.


“Sono 8 i miei scatti su questo tema – dice Riccardo – e due sono stati selezionati per essere esposti alla Biennale di Salerno. Si tratta di immagini impattanti, surreali, pop e vintage dove le donne ritratte mantengono un particolare distacco dalla realtà e sono collegate all’elemento acqua, simbolo della vita”.

Le immagini premiate le trovate in fondo all’articolo. La foto che pubblichiamo in apertura di articolo, invece è quella che Riccardo ha donato l’ 11 ottobre scorso per il progetto TogetherStronger Step Forward a favore delle popolazioni terremotate del centro Italia.
La foto insieme ad altre d grandi fotografi è stata esposta e subito venduta alla mostra-evento che si svolge dal 20 ottobre presso la sede di Église, una suggestiva chiesa seicentesca in Via dei Credenzieri a Palermo.
“A Palermo – aggiunge Ricardo – sono presente con due progetti differenti. Il primo è la mostra itinerante “Iconic”, dove gli scatti esposti sono ispirati alla cantante Madonna. “Ho ripreso la copertina dell’album Rebel Heart, in cui la cantante è raffigurata con cavi elettrici sul viso. Quindi ho rivisitato il tema, sostituendo ai cavi della liquirizia che viene srotolata dal viso della modella, fino ad arrivare al cuore. E’ un’opera che definirei surreale e scherzosa. Il secondo impegno invece a favore dei terremotati del centro Italia Ho accettato con piacere l’invito a donare una mia opera per un progetto di solidarietà. La fotografia, dal titolo Reborn, venduta ieri all’apertura dell’asta, ritrae una modella mentre esce dall’acqua, simboleggiando la rinascita. Mi è sembrato che fosse il tema più adatto alle circostanze del terremoto dello scorso 24 agosto”.

Riccardo è noto proprio per i suoi scatti acquatici e subacquei, per i quali solitamente predilige la location di Cervo.

Dal 14 al 31 dicembre Riccardo Bandiera esporrà le sue fotografie in una mostra personale a New York presso la galleria Artifact.

bandiera-riccardo2