Nel primo pomeriggio di sabato 17 settembre, presso la Basilica dell’Annunziata in Genova, il nostro vescovo Mons. Vittorio Viola ha tenuto la catechesi nell’ambito del Congresso Eucaristico Nazionale dal titolo: “L’Eucaristia e la via dell’annunciare”. È stata una delle diverse catechesi in programma che ha voluto proseguire il cammino del convegno ecclesiale nazionale di Firenze sulle cinque vie indicateci.
Dopo il canto dell’ora nona, Mons. Vittorio Viola ha aperto la Bibbia, come solito fare all’inizio di ogni sua catechesi e ha proclamato la Parola tratta dal capitolo 24, 31-35 del Vangelo di Luca: “Quando fu a tavola con loro, prese il pane, disse la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. Ma lui sparì dalla loro vista. Ed essi si dissero l’un l’altro: «Non ci ardeva forse il cuore nel petto mentre conversava con noi lungo il cammino, quando ci spiegava le Scritture?». E partirono senz’indugio e fecero ritorno a Gerusalemme, dove trovarono riuniti gli Undici e gli altri che erano con loro, i quali dicevano: «Davvero il Signore è risorto ed è apparso a Simone». Essi poi riferirono ciò che era accaduto lungo la via e come l’avevano riconosciuto nello spezzare il pane”. Subito Mons. Viola ha trovato in essa un collegamento superlativo a questo passo in questo contesto del Congresso Eucaristico: “Questa riunione a Gerusalemme di Pietro, gli altri e i due di Emmaus è il primo Congresso Eucaristico della storia. Essi parlarono del pane spezzato e quel tornare di corsa nel cuore della notte da Gerusalemme ad Emmaus, piace pensare sia stata la prima processione Eucaristica della storia. Essi non l’hanno lasciato sulla tavola quel pane ma l’avranno portato con se per poter raccontare come lo avevano riconosciuto nello spezzarlo”. Questo incipit porta subito i numerosi presenti a immaginare questa scena, anch’essi rimangono “stupiti ed attoniti” e proseguono nell’ascolto di una catechesi che si fonda sul significato dello “spezzare il pane: fare la comunione”.

Fabio Mogni

Parte del pubblico presente

Parte del pubblico presente